Home
INFORMAZIONE PER LA RETE DEI SARDI, DENTRO E FUORI LA SARDEGNA
A Cagliari un incontro per ricordare Foiso Fois, nel centenario della sua nascita PDF Stampa E-mail
Succede in Sardegna - Cultura e società
Lunedì 05 Dicembre 2016 15:48

Foiso Fois, maestro indiscusso d'arte in Sardegna, pittore, critico d'arte e saggista, avrebbe compiuto 100 anni il 28 dicembre prossimo. In occasione del centenario della sua nascita la sala convegni della Fondazione di Sardegna a Cagliari ospiterà l'incontro 'Foiso Fois 1916 – 2016, cent'anni di talento', organizzato dalla figlia Barbara. All'incontro interverranno Giorgio Pellegrini e Gianni Murtas.

Foiso Fois è stato fra i pittori più innovativi degli anni Cinquanta in Sardegna: la sua opera, insieme a quella di alcuni artisti modernizzatori suoi contemporanei, ha rappresentato un forte punto di rottura con la visione folcloristica allora dominante nell'arte isolana. La sua poetica, il suo impegno
sociale e il suo pensiero sull'autonomia regionale sono stati profondamente influenzati dal mondo del lavoro in miniera conosciuto in ambito familiare. Nelle sue tele prendono corpo il dramma dell'emigrazione e la sofferenza del lavoro: ha dipinto minatori, pescatori, portuali contadini, mondine, mietitrici, artisti circensi,
disoccupati. Ha prediletto la pittura ma ha prodotto anche disegni (a china, a pennarello, acquerelli e pastelli) e pregiate xilografie e litografie alternando temi di impegno sociale e politico a lavori più intimi e familiari. Tra la fine degli anni Quaranta e l'inizio del decennio successivo ha partecipato a una serie di rassegne che hanno definito il suo ruolo di punta nel panorama del neorealismo sardo.

 
Danilo Dolci e il mosaico del sardismo, è tempo di un Gandhi sardo? Un intervento di Daniele Madau PDF Stampa E-mail
Editoriali - Daniele Madau
Sabato 03 Dicembre 2016 11:52

Sabato 5 novembre 2016, nella sede della Fondazione Sardinia a Cagliari, che ne ha curato l'organizzazione, è stato presentato il libro di Carlo Pala, dottorando in Scienze Politiche all'università di Sassari, edito da Carocci, "Idee di Sardegna": moderato da Enrico Lobina,  arricchito dagli interventi dell'assessore Demuro,  l'evento si è trasformato anche in un dibattito con le forze sardiste, i cui leader, invitati, sono potuti intervenire per provare a presentare la loro posizione nell'ormai multicolore mosaico del sardismo. Era presente anche l’Associazione Tramas de Amistade.

Di Daniele Madau

L'analisi scientifica presente nel libro di Pala, meritoria, ha definito lo status forze politiche che, con diversi percorsi, afferiscono al sardismo. Il momento storico-politico, e di riflessione politica, o, possiamo dire, politologica, sembra favorevole a una risistemazione del pensiero sardista che, addirittura, sembra ritrovare parti di contatto trasversali e aspirazioni all'unità, anche se ciò non per tutti vale.
Bisogna sempre avere a mente, e nel cuore, che, contrariamente ad altri movimenti (il pensiero va subito a quello leghista), la riflessione autorevole sulle ambizioni e sulla fondatezza del sardismo non è mai mancata, e mai è stata disconosciuta.
Terminati, tuttavia, la presentazione e il successivo dibattito, la sensazione è che ancora manchi una forte spinta pragmatica, tesa a ottenere un qualcosa, o tutto, subito, hic et nunc.
E' davvero tempo di risposte, se non definitive, almeno risposte, delle forze sardiste, a domande che si pongono su due livelli: uno teorico e uno pragmatico.

 
“Retribuzioni uguali per tutti e impresa sociale.” Unisulky promuove un incontro pubblico con l’economista Marco Desogus PDF Stampa E-mail
Succede in Sardegna - Cultura e società
Lunedì 21 Novembre 2016 06:55

 

Si svolgerà a Carbonia, lunedì 21 novembre 2016 alle ore 16.30 presso la Sala Conferenze della Provincia del Sud  Sardegna (in via Mazzini a fianco ex scuola media Pascoli), l’incontro pubblico dal titolo “Introduzione all’economia umanistica” con l’economista Marco Desogus. L’evento è promosso da Unisulky – Università Popolare del Sulcis S’Ischiglia Onlus.

E’ forse il lavoro dell’elettricista meno valido di quello del chirurgo? O quello del pubblico manutentore rispetto all’economista? Il cambio di paradigma proposto dall’economia umanistica muove dall’omogeneizzazione della remunerazione di qualunque lavoro per unità di tempo, quale giusta riallocazione del prodotto nazionale complessivo, dove ciascun individuo restituisce la sua eccellenza attraverso la propria opera – qualunque sia – prendendo parte all’interrelazione e all’interdipendenza sociale e contribuendo a perseguire congiuntamente il divenire dell’insieme.

L’orientamento proposto intende superare il dualismo tra profitto e gratuità coniugandosi a un rinnovato modo di fare impresa, in un’ottica di social business e bene comune. Un approccio avulso da prevaricazioni e arrampicate sociali, dove l’individuo non trovi più realizzazione nell’accumulazione, ma in un nuovo umanesimo di condivisione e felicità globale.

Infelicità, ineguaglianza, parossismi di accumulazione e parallelo rafforzamento delle povertà e marginalità sociali sono, infatti, i tratti più marcati della nostra contemporaneità.

La ricerca proposta muove dall’indagine delle cause più profonde di tale discontinuità per superare i modelli macroeconomici attuali, che hanno dimostrato e continuano a manifestare la loro inadeguatezza e fallacità nell’offrire una corretta regia verso la giustizia, l’equità e finanche per superare le secche socio-economiche in cui la nostra epoca continua ad essere impantanata.

Saranno questi alcuni dei temi al centro del dibattito promosso dall’Università Popolare del Sulcis, che sarà arricchito da alcuni casi pratici: come la banca delle relazioni e il caso Acanta, la prima Mutua AutoGestione (MAG) della Sardegna.

 

 

 
Si svolgerà A Quartu Sant’Elena il sesto Congresso FASI. La rete degli emigrati sardi ritorna in Sardegna. PDF Stampa E-mail
Sardi nel mondo - Italia
Mercoledì 26 Ottobre 2016 09:32

Il sesto Congresso Nazionale della FASI, la Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, si terrà in Sardegna, dal 28 al 30 ottobre. I lavori si svolgeranno nel Centro Congressi dell’hotel Setar di Quartu Sant’Elena e saranno aperti, venerdì alle 17.30, dalla relazione introduttiva della presidente Serafina Mascia.

Al Congresso, che ha per slogan “Continente/Sardegna - La rete degli emigrati sardi patrimonio di solidarietà, cultura, progettualità. Risorsa per un nuovo sviluppo dell’Isola”, saranno presenti i 70 circoli della FASI, con 350 delegati e invitati, in rappresentanza dei 28.000 iscritti, con i componenti della Consulta Regionale dell’Emigrazione e con i dirigenti delle Federazioni dei circoli sardi in Europa, nelle Americhe e in Australia. In rappresentanza dei Comuni sardi, simboli dei legami con i luoghi di origine, parteciperanno venti Comuni (i capoluogo e i Comuni sostenuti con la sottoscrizione della FASI dopo l’alluvione).

 
Il Premio Dessì tra libri e disegni PDF Stampa E-mail
Editoriali - Altri autori
Lunedì 03 Ottobre 2016 10:01

In occasione della trentunesima edizione del Premio Dessì proponiamo l’intervista di Cristina Caboni a Mara Durante, cultrice e appassionata di letteratura per l’infanzia.

Di Cristina Caboni

La trentunesima edizione del Premio Dessì, dopo un’intensa settimana, è terminata domenica 25 Settembre con la proclamazione dei vincitori: Milo De Angelis per la poesia e Edgardo Franzosini per la narrativa. La fondazione ha lavorato anche in questa edizione per promuovere e diffondere la cultura in ampio raggio nazionale. Numerosissimi gli eventi e gli incontri che hanno visto protagonisti scrittori e lettori, appassionati, curiosi e abitanti del paese natale dello scrittore di origine sarda. Incuriosita e appassionata di letture per l’infanzia, un po’ per mestiere un po’ per diletto, ho partecipato all’incontro, che si è tenuto sabato 24 presso il Mulino Cadoni, con due esponenti esperti di letteratura per bambini e ragazzi: Roberto Innocenti abile e acutissimo illustratore Italiano e Mara Durante cultrice e appassionata di letteratura per l’infanzia.

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information