Sa Chida Sarda n. 34-2014 - la settimana in Sardegna vista da Tramas de Amistade

mail


Newsletter Sa Chida Sarda - la settimana in Sardegna vista da Tramas de Amistade - del  21 Novembre 2017

 

Gentile Visitatore,

ti inviamo l'ultima edizione de "Sa Chida Sarda", la newsletter di Tramas di Amistade in grado di offrirti settimanalmente una sintesi efficace dei principali fatti di politica, economia e società avvenuti nella settimana precedente in Sardegna.

Leggere Sa Chida Sarda significa anche condividerne i contenuti, è per questo che in ogni articolo trovate i pulsanti per condividerlo via Facebook, Twitter, Email e per aggiungere i vostri commenti personali che saranno pubblicati direttamente nella homepage del portale.

Grazie, buona lettura!
Redazione Tramas de Amistade, seguici anche su Facebook e su Twitter

 

Contenuti di questo numero:

 


Sa Chida Passada num. 34-2014 (Dal 15 al 19 settembre 2014)

A cura di Fabrizio Palazzari e Bore Morette

Droghe, consumi record

La Sardegna è tra le Regioni italiane con il maggior tasso di mortalità da overdose e di ricoveri per disturbi legati alla droga. Le forze dell'ordine, con i numerosi sequestri di droga avevano già denunciato l'emergenza. Ora arriva la conferma da parte del Dipartimento antidroga nella relazione annuale 2014 al Parlamento.

Consumo di cannabis, Nuoro divide il primato con Firenze. A Cagliari quello dell’eroina
Cannabis a Firenze e Nuoro, eroina a Cagliari, ketamina a Bologna e Torino, cocaina a Napoli. Insomma, ogni città ha la sua droga. A elaborare la mappa del consumo di droghe è stato, nella sua relazione annuale al parlamento, il Dipartimento politiche anti-droga della presidenza del Consiglio dei ministri. Nuoro con oltre 75 dosi al giorno per mille abitanti (contro la media italiana di 39,3 dosi) conquista, insieme a Firenze, il triste primato di capitale italiana del consumo di cannabis.

I segreti per creare un'impresa
Si è svolto a Cagliari l'incontro “Imprenditori startup si diventa!”, organizzato dallo Sportello startup di Sardegna ricerche per presentare il programma dal titolo “Dall'idea al business model” e per confrontarsi sui temi della creazione d'impresa. E’ stato inoltre presentato il rapporto “Cracking the code of Innovation”, realizzato sulla base di un'indagine svolta su 650 web startup internazionali, nell'ambito del progetto Startup Genome.

Sì a golf e ville in pineta
Votazione e pass definitivo per il mega progetto per la riqualificazione di Torregrande. Il Consiglio comunale di Oristano ha approvato la variante al Puc, necessaria per dare gambe all'iniziativa della Ivi petrolifera, che vuole realizzare nella pineta un complesso turistico con campo da golf, albergo e villette extra lusso. Ma non sono mancate le polemiche: il Comitato per la tutela e lo sviluppo di Torregrande, che da mesi contesta l'iniziativa, non intende abbassare la guardia.

Leggi tutto

La riforma agraria nelle immagini fotografiche dell’ETFAS. Intervista alla Dott.ssa Francesca Giraldi

Di Stefano Ferrando *
Il 7 maggio si è tenuto presso la facoltà di Studi Umanistici di Cagliari il seminario “COSTRUIRE CONSENSO. CINEMA E FOTOGRAFIA PER LA RIFORMA AGRARIA IN SARDEGNA (1950-62)”, dedicato al ruolo svolto dai documentari e dalle fotografie nella narrazione degli eventi che riguardarono le zone della nostra regione interessati agli interventi della riforma. La dott.ssa Francesca Giraldi, storica della fotogfrafia, ha partecipato al seminario con l’intervento “La riforma agraria nelle immagini fotografiche dell’ETFAS: istanze di controllo e pratiche rappresentative”: per approfondire i temi legati alla fotografia le abbiamo rivolto alcune domande
.

Dott.ssa Giraldi, lei si è occupata di ricostruire l’archivio dell’ETFAS, composto da circa 4.000 immagini realizzate dal fotografo Elio Poddighe; ci può raccontare quali erano, in funzione della costruzione del consenso, i codici rappresentativi di riferimento?

All’epoca esisteva un codice rappresentativo che potremmo definire del “prima, durante e dopo” e che Poddighe utilizza soprattutto per documentare lo stato di avanzamento delle opere pubbliche. In una ricerca che ho condotto sull’origine della “foto industriale” (tutti i testi di storia della fotografia fanno nascere il genere in ambito minerario negli anni Settanta dell’Ottocento) nell’archivio di Iglesias ho ritrovato delle stampe all’albumina che riportavano il marchio di Adolphe Godard, fotografo abbastanza noto al tempo perché lavorava in tutto il Regno Sardo Piemontese: nel 1860 venne chiamato ad Iglesias per documentare lo stato di avanzamento dei lavori delle miniere. Nell’archivio sono conservate solo tre stampe anche se le fotografie commissionate erano 48. Questo tipo di fotografia nasce per soddisfare il bisogno degli amministratori delle miniere di avere delle immagini da mostrare durante i consigli di amministrazione con sede fuori dal territorio isolano; l’incarico conferito a Godard nasce in seguito ad un aumento di capitale che interessò la miniera di Monteponi e dalla conseguente necessità di avere conferme del giusto indirizzo degli investimenti. Questa prassi di documentazione dell’avanzamento dei lavori nelle opere si riscontra in Sardegna anche in occasione della realizzazione delle ferrovie, documentate dai fratelli Besso; o ancora durante la costruzione delle colonie penali e della diga sul Lago Omodeo.

 

Leggi tutto

Poesia: esiste una diaspora sarda...o questa è una etichetta che strangola?

Di Daniele Barbiere *
Mettiamo radici nei luoghi dove cresciamo eppure ciò non ci impedisce di muoverci. E il dolore della lontananza (migrazione o esilio che sia) spesso non impedisce di intrecciare nuove radici alle vecchie. Per i poeti della diaspora sarda questa contraddizione – fra nostalgia e arricchimento, fra eterni ritorni e voglia di muoversi – si traduce in linguaggi.


Fuori dall’Isola oggi i nomi più importanti della diaspora (ma il termine è contestato, come si vedrà) sono Antonella Anedda, Alessandra Berardi, Giovanni Dettori, Alberto Masala.Fra i più giovani io sono rimasto molto colpito da Riccardo Fadda e da Sergio Garau (www.attimpuri.it) che spero presto di ospitare in blog. Chissà se anche i rapper si contano (e vengono contati) fra i poeti? Ovviamente un far poesia che è spesso bilingue o trilingue. E si va dal classico allo sperimentale, dai versi da declamare al poema epico.
Tre interviste per cominciare un discorso.
Vive a Bologna e si riconosce in versi polemici come «non conosco la sponda / e se tornassi non riconoscerei da dove son partito». Eppure Alberto Masala di continuo organizza nella natia Sardegna incontri culturali.

Leggi tutto



L'associazione Tramas de Amistade

Tramasdeamistade.org è una testata giornalistica online registrata presso il registro della stampa del Tribunale di Cagliari (n. reg. 15/2013).

L' associazione Tramas de Amistade è un’organizzazione indipendente che si propone di mettere in rete le esperienze di  professionisti, studenti e ricercatori sardi in molteplici settori che vivono e lavorano in continente e all’estero con le esperienze di sardi che invece operano in Sardegna.

La scommessa di Tramas è quella di mettere in contatto  sardi che vivono fuori dalla Sardegna con coloro che invece continuano a vivere in Sardegna (i quali, magari, pensano invece ad un’esperienza fuori Sardegna), e di cominciare una riflessione comune sul futuro della nostra terra.

Sa Chida Sarda è una newsletter interna che viene curata dall'associazione indipedente "Tramas deamistade". Non esitare a inviarla a amici e conoscenti!

Per riceverla puntualmente, o per inviarci idee e contributi, scrivi a segreteria@tramasdeamistade.org



 

 

 

 

 

--
- message
--

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information