Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 "Tramas de storias, logus, cultura, personas, atualidadi"

mail


Sa Lingua Nosta -Tramas de Amistade

 

Saludi a totus,

custa cida, po sa didatica po is piciocus, teneus, in su canali de “Youtube”, sa seconda parti de sa “videointervista” cun Jonathan Della Marianna; po s’atualidadi, una storia de Casteddu, chi at certau po essi scioberada cumenti “Capitale europea della Cultura”. A s’acabada, sa seconda videolezioni asuba de is dicius, pigaus de su libru “Proverbi Sardi”, de Giovanni Spano, po sa didatica de is mannus

A si biri chizzi

Daniele Madau

 

“Progetu realizadu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autònoma de Sardigna – L.R. 26/97 subra sa limba e sa cultura sarda”

Contenuti di questo numero:

Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 - Didattica giovani

Su ballu tundu biu de Valery (1789-1847) (parti I)

Est connotu chi in s’otocentu, meda studiosus funt bennius in sa terra nosta, po biri una terra “esotica”. Unu de custus est Antoine Claude Pasquin, tzerriau Valery, chi at biu su ballu a Pirri e, pustis, at scriu de cussu in su libru “Viaggio in Corsica, Elba e Sardegna”. Bieus calincuna parti.

“Pirri, una bidda bella e beni fata, est connota po su binu e poi is bistimentas de is massaias. Seu andau innì po biri baddai su ballu tundu, connotu meda, su ballu nazionali, alluscau  po sa manera de si ligai e, pruschetotu, de pigai sa manu, poita sa femina ponit su brazu asuba de su brazu destru de s’omini, po s’agguantai a issu.

 

Leggi tutto

Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 - Didattica adulti

Didatica po is mannus: chistionada in campidanesu e tabarchinu

Sa cida passada eus biu su galluresu, custa cida bieus su tabarchinu, cun Anita Borghero, studianti de Litere a s’universidadi, nascia a Carloforte.

Innanti de sa chistionada, podeus ligi calincunu fueddu de Fiorenzo Toso, studiosu mannu de su tabarchinu

“Il tabarchino è un dialetto ligure parlato da circa 10.000 persone nell’Arcipelago Sulcitano a sud ovest della Sardegna: a Carloforte, centro dell’isola di San Pietro, e a Calasetta, su Sant’Antioco.

Il nome della parlata risale a quello dell’isola tunisina di Tabarca, dove dalla metà del XVI secolo era stanziata una comunità di corallari e commercianti liguri. Sfruttando uno statuto di extraterritorialità e i rapporti con le reggenze barbaresche, la famiglia genovese Lomellini mantenne il possesso dell’isola fino al 1741, quando mutate condizioni politiche portarono all’occupazione di Tabarca da parte tunisina. Parte della popolazione aveva intanto già fondato Carloforte (1738); dei tabarchini rimasti in Tunisia, fatti schiavi, molti furono trasferiti ad Algeri e da qui, riscattati nel 1769, si trasferirono in Spagna sull’isolotto di Nueva Tabarca presso Alicante; altri fondarono nel 1770 Calasetta; altri ancora rimasero in Tunisia assumendo lo status di minoranza linguistico-religiosa.

Leggi tutto

Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 - Attualità 1

Sa ruga manna po acabai sa ruga

Passendi, dognia dì, in sa 131, po andai a traballai, apu biu chi funt traballendi, un’atra borta, po acabai sa ruga Seu chistionendi de is arrogus de ruga acanta a Serrenti e Seddori. M’est benniu a conca cussu chi at scriu, s’annu passu, in s’ “Unione Sarda”Anthony Muroni:

“In quale altra parte del mondo civilizzato accade quel che i sardi devono sopportare da anni sulla statale 131, negli oltre dieci chilometri di corsia unica – in entrambe le direzioni di marcia – all’altezza di Serrenti? In quale altra parte decine di migliaia di automobilisti vengono quotidianamente costretti a viaggiare incolonnati, nell’indifferenza generale di un cantiere abbandonato? Dove questo incredibile esempio di malgoverno potrebbe essere ancora sopportato? Accade in Sardegna, alle porte di Cagliari, in piena estate 2013.

Leggi tutto

Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 - Attualità 2

Est beru chi si podit acatai un’identidadi sarda?

Gesualdo Bufalino, studiosu mannu de sa Sicilia, at nau: «Soffre, la Sicilia, di un eccesso d’dentità, né so se sia un bene o sia un male».

Candu si chistionat d’identitadi, est simpri chistionai d’identidadi sarda.

Musicas, festas, tradizionis, lingua, literadura, storia, ainas, fainas:totu, de cussu chi est passau, fait identidadi.

Po sa vida, perou, dognia dì, po sa genti chi bivit in cust’isola nosta, poi s biddas, poi is citadis, poi s piciocus, is mannus, ita est s’identidadi?

Po mei s’identidadi est, cumenti su “slogan” de s’Unione Europea, “Unità nella diversità”.

No est sceti unu sentidu miu, mi praxi, po custu, scriri calincunu fueddu asuba de s’identidadi trentina, de s’antropologu Annibale Salsa: «Una visione sovra-nazionale, accompagnata dalla riduzione delle sovranità degli Stati, porterà alla creazione di quello spazio di libera circolazione di persone e merci caldeggiato dai padri dell’Europa unita.

Leggi tutto





L'associazione Tramas de Amistade

Tramasdeamistade.org è una testata giornalistica online registrata presso il registro della stampa del Tribunale di Cagliari (n. reg. 15/2013).

L' associazione Tramas de Amistade è un’organizzazione indipendente che si propone di mettere in rete le esperienze di  professionisti, studenti e ricercatori sardi in molteplici settori che vivono e lavorano in continente e all’estero con le esperienze di sardi che invece operano in Sardegna.

La scommessa di Tramas è quella di mettere in contatto  sardi che vivono fuori dalla Sardegna con coloro che invece continuano a vivere in Sardegna (i quali, magari, pensano invece ad un’esperienza fuori Sardegna), e di cominciare una riflessione comune sul futuro della nostra terra.

Sa Chida Sarda è una newsletter interna che viene curata dall'associazione indipedente "Tramas deamistade". Non esitare a inviarla a amici e conoscenti!

Per riceverla puntualmente, o per inviarci idee e contributi, scrivi a segreteria@tramasdeamistade.org



 

 

 

 

 

--
- message
--

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information