Home Sa Chida Passada 2013 Sa Chida Passada num. 44-2013 ( dal 18 al 22 novembre 2013)
Sa Chida Passada num. 44-2013 ( dal 18 al 22 novembre 2013) PDF Stampa E-mail
Sa Chida Passada - Sa Chida Passada 2013
Domenica 24 Novembre 2013 21:04

A cura di Bore Morette e Fabrizio Palazzari

Cleopatra ha distrutto metà della Sardegna: 16 vittime

La bomba d’acqua che, a partire dal pomeriggio di lunedì 18 novembre, è caduta sulla Sardegna ha provocato 16 morti ed un cittadino di Onanì ancora disperso e ha posto 55 comuni in condizioni ufficialmente di emergenza: 7 in provincia di Cagliari, 17 a Nuoro, 14 tra Oristano e Medio Campidano, 7 in Ogliastra, 10 in Gallura. Intorno ad Olbia c’è la ‘zona rossa’, dove sono morte 13 delle 16 vittime, figli di quest'isola dove nel 2013 si muore di pioggia. Sono 2747 le persone evacuate. Decretato lo stato di calamità: stanziati 25 milioni per l'emergenza. La Brigata Sassari in aiuto della popolazione di Olbia

Gli angeli del fango

«Sono orgogliosa dei ragazzi di Olbia, vorrei incontrarli presto». I complimenti arrivano dal Ministro della Pubblica istruzione, Maria Chiara Carrozza. E si riferisce ai nuovi angeli del fango . Si riconoscono subito: girano in drappelli di sei o sette, sono giovanissimi, hanno gli stivali sporchi e attrezzi per pulire in mano. Sono gli studenti delle scuole superiori, che hanno deciso di dare una mano per spalare il fango delle case degli alluvionati.

Una bomba d’acqua di oltre 300 millimetri in Gallura e di 250 in Ogliastra.

 

Un po’ meno (circa 150) su Vallermosa e i paesi vicini. «Immaginate un vortice che si muove in senso antiorario col centro sulle Isole Baleari capace di spingere aria calda e umida, carica d’acqua, sulla Sardegna. Appena incanalata sul Campidano sono iniziate le piogge, mentre i temporali veri e propri si sono avuti in presenza dei rilievi, con la formazione di due linee di formazioni molto intense, quando l’aria calda è stata spinta in alto dove ci sono le correnti più fredde. Da una parte la zona di Capoterra, Vallermosa e il Guspinese, dall’altra la costa ogliastrina». E’ la spiegazione degli esperti.

Il tweet del Papa: è l'ora della solidarietà

Arrivano sostegno economico e soccorsi dalla Chiesa e dalle Regioni. Partecipazione fortissima dai territori aiutati dal volontariato sardo.

E' lutto nazionale.

Annuncio via Twitter. Cappellacci: bandiere a mezz'asta. Tra quanti hanno chiesto la proclamazione del lutto nazionale ci sono i parlamentari del Movimento 5 Stelle.

La notizia dell’alluvione sui giornali esteri
Ha fatto il giro del mondo la notizia dell’alluvione disastrosa in Sardegna. Soprattutto i giornali europei, ma anche quelli del resto del mondo, hanno dato rilievo alla notizia nella versione on-line.

Aziende distrutte e terreni allagati

La conta dei danni aumenta di ora in ora. Confartigianato: 14 mila imprese colpite. Coldiretti Sardegna parla di enormi quantità di prodotti agricoli che non saranno immessi sul mercato.

Le polemiche

Sul preavvoso, come funziona: dalla Protezione civile nazionale parte l’avviso alla Regione, poi girato a Province e sindaci via fax, posta elettronica e sms. L’allerta meteo è come una catena di Sant’Antonio con molti anelli deboli e in più una robusta dose di burocrazia. In testa c’è il Centro funzionale centrale del dipartimento della protezione civile, operativo 365 giorni l’anno, 24 ore su 24. Quotidianamente elabora un Bollettino. Poi ci sono i Centri funzionali decentrati delle Regioni, che fanno previsioni, monitoraggio e sorveglianza in tempo reale «con la conseguente valutazione degli effetti previsti su persone e cose in un determinato territorio». La Sardegna non ce l’ha.

Morti nel fango, i pm in azione

Omicidio e disastro colposo: inchiesta aperta a Nuoro. A Oristano nessuna indagine, a Olbia il magistrato annuncia: la giustizia arriverà.


Olbia, città dei mille condoni tradita dai risanamenti mancati

Una crescita impetuosa, spesso senza freni, contrassegnata da un massiccio abusivismo edilizio. Dietro le vittime e i danni ingentissimi, l'assenza di una politica attenta all'ambiente.

Che ne è di Settimo Nizzi? L’articolo dell’Huffington Post del 20 novembre 2013

“Nizzi governa a colpi di varianti, regolamenti ad hoc e ordinanze su misura. Sui rii che sfociano nello stagno di Pittulongu si costruiscono magioni con i prati inglesi difesi da possenti mura di cinta. Il resto della città segue il medesimo andazzo. Si costruisce abusivamente a Putzolu, Santa Mariedda, Baratta. I 2700 olbiesi che a ogni elezione comunale lo votano sentitamente ringraziano. La disinvoltura del sindaco di Olbia è senza argini come l’oceano d’acqua che ha sommerso questo antico borgo sul mare che volle farsi metropoli”.

Soru e gli ecologisti: "Stop al Pps, il cemento porterà disastri".

Gli ecologisti denunciano il fattore-rischio legato a costruzioni dissennate e spiegano che il nuovo Piano paesaggistico, con l'eliminazione di una serie di vincoli, minaccia di rivelarsi pericolosissimo.

Otto imputati per i morti di Capoterra

Si è aperto proprio il giorno dopo il ciclone il processo per l'alluvione del 22 ottobre 2008 con quattro vittime.

Un anno e otto mesi a Salis: il primo verdetto è di condanna

Il consigliere regionale ex Idv giudicato colpevole di peculato. C'era grande attesa per la sentenza e ora la prima condanna fa crescere la preoccupazione degli altri consiglieri regionali sotto accusa per l'uso dei soldi destinati ai gruppi consiliari.

Cappellacci a giudizio

La nomina di Ignazio Farris alla direzione dell'Arpas è costata il rinvio a giudizio con l'accusa di abuso di ufficio al governatore Ugo Cappellacci insieme agli quindici imputati dell'inchiesta sulla cosiddetta P3.

E' già il terzo processo

Per il governatore sono in corso altri due dibattimenti Quello disposto dal gup di Roma è il terzo rinvio a giudizio per Ugo Cappellacci, che alla prima condanna decadrebbe dalla carica di governatore della Sardegna.

La rivolta dei malati di Sla, staccati gli autorespiratori

Drammatico corteo al ministero per i finanziamenti e l'assistenza domiciliare. Salvatore Usala: "Se il governo non ci ascolta, oggi occuperemo il Senato".


Murgia, l'abito venduto all'asta

 

L'iniziativa "Già fa" promossa dalla coalizione che sostiene Michela Murgia, candidata presidente alle prossime elezioni regionali per Sardegna Possibile, si è svolta nel segno della partecipazione e della condivisione. E' stata anche prevista un'asta per la raccolta di fondi che serviranno per finanziare le varie iniziative elettorali.

 

Sequestrati container carichi di piombo di batterie d'auto

Arrivati a Cagliari dall'Australia e destinati alla Portovesme srl. Indagato il manager Lolliri. Il difensore: "Tutto regolare". L'uso del piombo ricavato dalle batterie d'auto non è un reato purchè il materiale sia stato trattato correttamente prima del trasporto. In questo caso le analisi sono in corso e quindi non è detto che lo sia. A Portoscuso sono stati trasferiti dal 16 luglio scorso in poi 229 container per un valore commerciale stimato di di quasi quattro milioni di euro.

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information