Home Sa Chida Passada 2013 Sa Chida Passada num. 48-2013 (dal 16 al 20 dicembre 2013)
Sa Chida Passada num. 48-2013 (dal 16 al 20 dicembre 2013) PDF Stampa E-mail
Sa Chida Passada - Sa Chida Passada 2013
Sabato 21 Dicembre 2013 00:00

A cura di Bore Morette e Fabrizio Palazzari

Carbonia, "melting pot civico" e modello urbanistico

La città mineraria celebra con la prima edizione del festival di teatro civile e della memoria il 75°anniversario della sua fondazione. Un ciclo di eventi che si concluderà, domenica 22 dicembre, al Teatro Centrale con con la lettura di Lia Careddu del brano “Tra il dire e il fare”, tratto dal libro “Cultura materiale della gente di miniera in Sardegna” dell’autrice Paola Atzeni.

Master in Sardegna, saranno i professori a immigrare nell'isola.

La Regione prova a risparmiare sui costi della formazione per i neolaureati in un momento di ristrettezze economiche, con il programma Master in Sardegna.

Un'Isola sconvolta ancora alla ricerca della normalitĂ .

Le 18 vittime come una necrosi del cuore rimangono la ferita più profonda nelle comunità colpite dal nubifragio. La memoria ritorna al 18 novembre 2013 quando la pioggia inizia a cadere. Da allora le città ripulite dal fango inseguono ancora una normalità che non c'è. Intanto la magistratura lavora per scoprire colpe e negligenze di un'isola devota al mattone facile.

Nel 2018 chiuderĂ  la miniera Carbosulcis di Nuraxi-Figus

«Con la dolorosa chiusura della miniera di carbone di “Monte Sinni” si chiude una pagina gloriosa della storia economico-sociale della Sardegna.» E’ il commento dell’assessore dell’Industria, Antonello Liori, dopo l’approvazione in Giunta della delibera contenente il Piano di chiusura della miniera.

 

Attentati ai sindaci, l'Isola è prima

Superata di 5 volte la Campania e di cento volte le Marche e la Valle d'Aosta. Negli ultimi 15 anni, secondo i dati fornti dalla Banca di Credito Sardo, la Regione ha pagato indennizzi per quasi 3 milioni di euro, per 447 attentati di cui 196 ad amministratori locali. Gli attentati tra il 2011 e il 2013 in Sardegna sono stati 1108, di cui 397 nei capoluoghi. Il capoluogo in testa alla classifica delle intimidazioni è Olbia con 120 eventi, seguita da Cagliari con 74 e da Sassari con 51.

Caso Barracciu, il PD cerca strade nuove

Alcune componenti dei Democratici sollecitano la svolta. La direzione regionale si riunirĂ  con la segreteria di Renzi. Il partito guarda alle elezioni e vuole recuperare tempo. Ma intanto Sel (domenica il congresso regionale) minaccia di ufficializzare lo strappo.

Sininnio Piras in cella
E' il terzo consigliere regionale arrestato per peculato. Il gip: "Pericolo di reiterare il reato e inquinare le prove".

Terremoto in Consiglio Regionale

Non si arresta l'inchiesta sui fondi ai gruppi, perquisizioni e altri cinque indagati: Oppi, Cappai, Sanna, Solinas e Planetta. Il maxi blitz, pianificato da giorni, è scattato poco dopo le 7.30 di lunedì mattina.

Due legislature sotto accusa

Sessantasette imputati e indagati, uno giĂ  condannato. Il fascicolo, che nel 2005 ipotizzava il mobbing, ha virato verso il peculato nel 2009. Lo scorso 6 novembre sono finiti in carcere Mario Diana, ex capogruppo del Pdl, e il suo collega Carlo Sanjust poi scarcerato lo scorso 14 dicembre.

Alla ricerca del giusto ente intermedio

Le Province sono morte, ma un ente intermedio dovrà comunque esserci, per evitare il centralismo regionale e l'arroganza dei Grandi Comuni. Se ne è discusso a Cagliari in un confronto sulle ex Province fra il presidente della bicamerale Renato Balduzzi e i Riformatori.

Comune di Cagliari "Ecco perchè mi dimetto"

La lettera al Sindaco Massimo Zedda dell'Assessore Susanna Orrù dopo l'addio ai Servizi Sociali. "Mi ha delegittimato, così ho perso credibilità".

Le scuole sarde a pezzi

I costruttori edili fanno un'impietosa radiografia degli edifici. "Ben sessantasette sono esposti a un forte rischio idrogeologico".Inoltre, il 37,50% degli edifici avrebbero necessitĂ  di interventi di ristrutturazione.

Armi chimiche, c'è l'interrogazione
L'ha depositata il deputato Pd Scanu: le armi chimiche siriane di Assad potrebbero arrivare nell'isola. L'ipotesi si fa sempre piĂą solida.

"Basta con i "boom" sonici, è ora di eliminare le servitù"

Il sottosegretario alla Difesa del governo Letta risponde all'interrogazione di Caterina Pes che chiedeva spiegazioni sui boati sentiti a settembre e che avevano terrorizzato gli abitanti di Oristano.

Guerra dei ricci, due feriti a San Vero Milis

Si tratta di due fratelli intervenuti mentre un pescatore cagliaritano minacciava di darsi fuoco perchè esasperato dai continui controlli della Guardia Costiera. Lo scivolo a mare di Mandriola, ostruito da sabbia e blocchi di cemento per impedire alle barche di essere messe in acqua, si è trasformato nel teatro di una maxi rissa tra i pescatori di ricci di Cagliari, arrivati con pala e funi per libierarlo, e alcuni abitanti della borgata di San Vero Milis.

Salve le zone umide: la Consulta boccia la legge Cappellacci

La Corte Costituzionale ha bocciato dichiarandola illegittima la leggina che la Regione aveva varato in tutta fretta per salvare dalla demolizione un palazzo costruito in via Gallinara, vicino allo stagno di Molentargius a Cagliari. La norma aboliva in sostanza la fascia di tutela dei trecento metri dalle zone umide in aperto contrasto con il Consiglio di Stato, interpretando il contenuto del Ppr, ne aveva affermato l'efficacia.

Cancellati gli usi civici

Il Consiglio comunale di Nuoro elimina ogni vincolo da Pratosardo. Il provvedimento riguarda oltre all'area dove si sta costruendo la nuova caserma, il galoppatoio e l'ex mattatoio.

Corruzione e trasparenza, le Asl sarde sono in ritardo

A rivelarlo sono i risultati del "monitoraggio civico" cha ha passato ai raggi X 143 Aziende sanitarie locali,75 Aziende ospedaliere, 18 Istituti nazionali di ricerca e cura. Nella classifica del gruppo Abele e dell'Associazione antimafia Libera, l'isola è al penultimo posto nella graduatoria nazionale.

 

(Fonti utilizzate: L'Unione Sarda, La Nuova Sardegna)

 

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information