Home Editoriali Fabrizio Palazzari SPECIALE “SA CHIDA PASSADA 2013”: un anno con Tramas de Amistade. Di Fabrizio Palazzari
SPECIALE “SA CHIDA PASSADA 2013”: un anno con Tramas de Amistade. Di Fabrizio Palazzari PDF Stampa E-mail
Editoriali - Fabrizio Palazzari
Lunedì 13 Gennaio 2014 14:54

Di Fabrizio Palazzari

Il 2013 era iniziato con il ritorno di “Sardegna Quotidiano” e l’arrivo del nuovo giornale online CagliariGlobalist, si chiude con la crisi sempre più forte dell’emittente televisiva Sardegna 1. Nel mezzo un intero anno di avvenimenti che abbiamo cercato di raccontarvi settimanalmente e che vi riproponiamo, in questa edizione speciale, con una sintesi delle notizie più significative.

GENNAIO

Grandi novità nel mondo del giornalismo isolano

Dopo il ritorno di “Sardegna Quotidiano” una nuova voce quella di CagliariGlobalist si affianca a Casteddu on Line, Cagliaripad e Sardinia Post. Sembra di essere ritornati indietro di un anno, tra il 2011 e il 2012, quando, per qualche mese, fu possibile scegliere fra ben cinque quotidiani: l’Unione Sarda, La Nuova Sardegna, Sardegna Quotidiano, Sardegna 24 e Metro.

«La Sardegna simbolo della crisi»

Giorgio Napolitano ha voluto citare l'esempio dell'Isola, nel tracciare l'agenda che il prossimo governo dovrà seguire per dare risposte ai cittadini.

Ogliastrino candidato a New York

 

Nel suo sito web elettorale, compare, sorridente, in abito blu davanti a una grandissima bandiera Usa al vento: Tony (Antonio)Meloni, avvocato, 56 anni, emigrato 48 anni fa da Tortolì, potrebbe essere il primo sardo a sedere nei banchi del consiglio comunale di New York, dove giunse nel 1964. È candidato, con i democratici del presidente Obama, al NYC Council nel District 22.

Giovani sardi, disoccupazione record

L’Istat ha aggiornato i dati sulla disoccupazione: per i giovani è la strage degli innocenti.La percentuale nazionale (37%) è da record, ma in Sardegna è il precipizio: nella fascia d’età tra i 15 e i 24 anni è disoccupato in media il 40 per cento dei sardi e oltre il 20 per cento nella fascia d’età tra i 25 e i 34 anni. Cresce, inoltre, il fenomeno di coloro che non studiano e non hanno occupazione: i Neet.

I giovani talenti isolani devono tornare a casa

Secondo il Centro studi L'Unione Sarda sono stati finora investiti nel programma Master and Back ben 180 milioni coinvolgendo 3.800 giovani nei percorsi di alta formazione e 2.000 nei percorsi di rientro. Molti dei giovani che sono stati inviati a specializzarsi non sono ritornati in Sardegna, il cui mercato del lavoro offre scarse possibilità occupazionali soprattutto per le elevate competenze, ma si sono fermati nei luoghi dove hanno svolto l'esperienza formativa.

Amministratori sotto tiro, Cancellieri nell’isola

Il ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri arriva in Sardegna per affrontare la nuova emergenza di attentati e intimidazioni contro numerosi amministratori comunali con alcuni casi eclatanti. Come le dimissioni nel novembre scorso, annunciate e poi rientrate, del sindaco di Mamoiada Graziano Deiana.

Liberos vince il premio "Che fare"

Liberos è un'idea da centomila euro. Lo ha decretato la giuria di "Che fare", il premio per la migliore iniziativa di imprenditoria culturale italiana, che ha selezionato la rete di librai, editori, scrittori e lettori sardi tessuta nei mesi scorsi da Michela Murgia e da un pugno (inizialmente) di altri amanti della cultura scritta.

FEBBRAIO

A Berlino la guerra di Quirra

Un luogo di guerra in tempo di pace. È quello che si racconta in “Materia oscura”, film documentario di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti, selezionato nella sezione “Forum” della 63ma edizione della Berlinale. Girato nell'area del Poligono Sperimentale del Salto di Quirra, regione della Sardegna compresa tra le province di Cagliari e Nuoro, dove, per oltre cinquanta anni, i governi di tutto il mondo hanno testato armi nuove e dove il governo italiano ha fatto brillare i vecchi arsenali militari mettendo a rischio la salute del territorio.

Quirra, muore a 25 anni donna simbolo, era nata malformata

Quand’era incinta della sua bimba, un giorno, guardando dalla finestra della sua casa di Escalaplano, la mamma aveva avuto come un brutto presagio e, tempo dopo, lo avrebbe raccontato anche al procuratore di Lanusei, Domenico Fiordalisi: «Ho visto una nube di fumo che si levava dal poligono e si posava sopra la nostra casa», aveva raccontato al magistrato. Una settimana dopo aver visto quella nube, aveva partorito la sua Maria Grazia. La bimba era nata con malformazioni evidentissime alla testa e con una lista di altri problemi di salute che avevano fatto pronunciare ai medici previsioni nefaste.

Troppi ragazzi alzano il gomito

L'abuso di vino, birra, cocktail e superalcolici si manifesta nell'Isola in età sempre più precoce. Secondo i dati emersi in una ricerca condotta nel 2008, e riportati nel Piano regionale di prevenzione 2010-2012, i ragazzi sardi che hanno dichiarato di preferire il vino sono stati il 49,1 per cento. L'età maggiormente associata all'utilizzo di alcolici è quella compresa tra i 14 e i 15 anni (58,2 per cento).

Call center, denuncia dei sindacati: “Un esercito di invisibili che non potrà votare per il contratto”

Stipendi inadeguati, contratti di collaborazione a progetto senza tutele e diritti. In sintesi la drammatica realtà dei lavoratori dei call center in Sardegna, all’incirca 10 mila giovani che operano nel settori dei servizi per le telecomunicazioni e nei call center. L’80 percento riguarda la sola provincia di Cagliari.

Ilaria Porceddu, 25 anni, da Assemini, ha conquistato la finale di Sanremo.

Il ritornello della sua canzone è in sardo campidanese: «Giru, bivu/ danzendi asusu e' unu filu/ deu seu comenti coriandulu/ ca antia simbillu a un anghelu/ istimamì immoi/ ca crasi no app'essi innoi».Canta in sardo a Sanremo. Così conquista la finale del festival.

L’Italia in coma

Non si sa quando il bellissimo e crudele documentario di Annalisa Piras e Bill Emmott, “Girlfriend in a coma”, proiettato il 13 febbraio nella sede dell’associazione della stampa estera a Roma, potrà essere visto dal grande pubblico. La regista iAnnalisa Piras ha lasciato il suo paese per vivere a Londra, stanca di aspettare le opportunità che non trovava più a casa. Negli ultimi vent’anni un milione di giovani italiani ha fatto questa scelta

Grillo vola oltre il 30% in ottantanove Comuni

Non ha soltano battuto le coalizioni di centrodestra e centrosinistra: in quasi tutti i centri ha ottenuto consensi record e sovvertito vecchi equilibri. In 89 dei 377 Comuni sardi il M5S è volato oltre il 30 per cento dei voti, in 204 Comuni si è piazzato tra il 20 e il 30 per cento (il più delle volte come primo partito), in appena 84 Comuni ha ottenuto tra il 10 e il 20 per cento. In quest’ultimo caso si tratta di piccoli centri dove i politici “tradizionali” sono più radicati . Come nel caso del Comune di Mandas dove il sindaco Umberto Oppus, candidato nell’Udc, ha portato il suo partito al 30% e la coalizione centrista al 37%.

Addio alla ciminiera-simbolo di un’industria mai decollata

Demolita a Isili la ciminiera in calcestruzzo realizzata nella seconda metà degli anni Settanta del secolo scorso dalla società Siron a servizio dell’impianto di produzione di fibre acriliche, mai entrato in funzione. Era uno dei simboli della zona industriale di Perd’e Quaddu nata negli Anni 70 con l’intento di promuovere il rilancio del Sarcidano, ma rivelatasi un vero è proprio fallimento. Infatti, diverse società non hanno mai aperto i battenti, mentre altre sono fallite.

Leucemie, rischio elevato

Assemini, Sarroch e Pula sono i centri più esposti. Lo studio pubblicato sulla rivista "Epidemiologia & Prevenzione". Interessata la Procura della Repubblica. Nel mirino i poli industriali di Macchiareddu e Sarroch

MARZO

Rossella Urru donna dell’anno

Festa della donna nel segno di Rossella Urru. La cooperante di Samugheo rapita in Algeria da un gruppo islamico e liberata dopo 270 giorni di prigionia è stata proclamata “Donna sarda 2013”.

Mafia, le mani sulle coste sarde

Nei villaggi vacanze cresce il peso della criminalità organizzata. Presi di mira soprattutto i litorali nordorientali. Dalla Maddalena sino ai villaggi vacanza a sud di Olbia. Nell'isola le mafie emergenti continuano a puntare sui tradizionali investimenti finanziari e immobiliari. Edilizia & costruzioni, partecipazioni azionarie nei villaggi turistici. Acquisto di mega-residence, panfili, yacht. E' seguendo i movimenti di denaro, ingentissimi ma nascosti dietro società costruite con un sistema di scatole cinesi più sofisticato e complesse del passato, che gli investigatori della direzione distrettuale antimafia di Cagliari sono risaliti alle più recenti infiltrazioni delle cosche.

Lo storico Sechi: "Soldi riciclati con complicità negli enti locali".

Parla il professore consulente della commissione parlamentare che ha appena finito i suoi lavori sulle dinamiche e strategie mafiose tra il 1 luglio 2011 e il 30 giugno 2012. "Soprattutto in Gallura esistono connivenze al momento del rilascio delle autorizzazioni".

Progress elegge due presidenti, un uomo e donna, in omaggio alla parità di genere.

La nuova presidenza è formata dalla nuorese Federerica Serra (37 anni, art director) e da Sandro Ghiani Anedda (60 anni, bibliotecario e dirigente comunale ad Isili). Le elezioni si sono svolte domenica 17 ad Arborea.

La nuova Orientale corre, aperto il tunnel dei record

Un cantiere costato 112 milioni che fa parte di un pacchetto di due miliardi di investimenti realizzati o in corso dal 2006 a oggi per le strade sarde gestite dall'Anas. Il nuovo lembo è lungo 6,6 km e la galleria dei record è stata chiamata Murtineddu (2,590 Km con impianto antincendio automatico). Con questa apertura sarà possibile raggiungere l’Ogliastra da Cagliari in un’ora e mezza andando a 90 km/h.

Mille universitari sardi che studiano fuori dall’isola

Attendono dallo scorso anno i contributi regionali per pagare l’affitto. Si considerano emigrati e per difendere i loro diritti si sono rivolti alla Fasi, la Federazione delle associazioni dei sardi in Italia. Dalla Regione, lamentano gli studenti, nessuna spiegazione per i ritardi dei pagamenti nè le scuse.

APRILE

 

2012, i giovani in fuga dall'Italia. Emigrazione cresciuta del 30%

I dati diffusi dall'Aire, l'anagrafe degli italiani residenti all'estero. Sono più uomini che donne. In testa i lombardi, davanti a veneti e siciliani. La destinazione preferita è la Germania (10.520 italiani l'hanno scelta), seguita da Svizzera (8906), Gran Bretagna (7520), Francia (7024), Argentina (6404), USA (5210), Brasile (4506), Spagna (3748), Belgio (2317) e Australia (1683). La fascia in maggiore aumento è quella fra i 20 e i 40 anni. Gli italiani complessivamente residenti all'estero al 31 dicembre 2012 ammontavano a 4.341.156, in crescita di 132.179 unità rispetto all'anno precedente.

 

Alluvione di Buenos Aires, la solidarietà dei circoli sardi

L’alluvione che alcuni giorni fa ha devastato la provincia di Buenos Aires ha colpito gravemente la comunità degli emigrati sardi. Dieci famiglie collegate al Circolo sardo “Antonio Segni” di La Plata hanno perso tutto. Nella sede del Circolo si sono intanto sistemate due di queste famiglie. I Circoli vicini di Buenos Aires hanno inviato vestiario e generi di prima necessità; intanto la FASI (Federazionei Associazioni Sarde in Italia), tramite la sua Presidente Serafina Mascia, ha chiesto all’Assessorato del Lavoro della Regione Autonoma della Sardegna di poter cambiare la destinazione del contributo assegnato per il progetto “Piazza Sardegna” di La Plata modo da dare un aiuto alle famiglie che ne hanno più urgente bisogno.

Uccisi dalla crisi.Vertice per l'emergenza:"Nessuno si senta solo". Dopo le tragedie degli ultimi giorni, tre drammi a Macomer, Orotelli e Serramanna, la Sardegna piange il suo sessantacinquesimo suicidio della crisi.

Addio a Maria Lai, i suoi fili legavano il cuore dell'isola.

La più importante artista sarda del Novecento si è spenta all'età di 93 anni. I primi anni di vita a Ulassai, dove era nata il 27 settembre del 1919. Poi il trasferimento "al mare". Poi a Roma. L'accademia di Venezia, gli incontri con i grandi sardi del secolo scorso: con Giuseppe Dessì,l'autore di "Paese d'ombre", con quel genio dimenticato di Salvatore Cambosu di "Miele amaro", con Maria Ciusa Romagna, con i maestri Arturo Martini e Marino Mazzacurati.Donna universale, ma legatissima alla Sardegna.

Avvocati all'estero per combattere la crisi

Emigrano anche loro, gli avvocati. C'è chi, valigia in mano, ha aperto uno studio in Spagna: "occorre guardare ai nuovi mercati - dicono - per combattere la crisi". Daniele Mundula, 39 anni, in settimana a Cagliari per un convegno internazionale nel quale si sono confrontati giuristi italiani e spagnoli, è uno di questi. Dal 2011 ha messo su uno studio ad Ibiza. "da tempo pensavo all'estero - racconta - perché per i giovani avvocati la vita è dura in Italia". Raffaele Melis, ha percorso la stessa strada 23 anni fa. Oggi a 77 anni è il pioniere degli avvocati sardi emigrati in Spagna.

MAGGIO

Se il cuore e la mente di una terra si alleano, anche per una multinazionale tutto diventa più difficile.

La società petrolifera della famiglia Moratti, che ad Arborea ha presentato ufficialmente il Progetto Eleonora (ricerca ed estrazione di metano) nell'ambito della procedura di valutazione impatto ambientale, di fronte al no della popolazione. Più di mille persone riunite hanno bocciato le trivelle della Saras. Mamme, papà, nonni, bambini.

Sardegna servitù militareUn fronte di guerra in tempo di pace il calendario delle bombe nei poligoni. E' un fascicolo ricco di dettagli il "Programma di utilizzazione dei poligoni permanenti e occasionali sardi" per il secondo trimestre di quest'anno. Ma in cartellone non ci sono solo utilizzi militari: al modico prezzo di 50mila euro al giorno i poligoni sardi vengono affittati a società "civili" che sperimentano la tenuta dei materiali che vengono fatti esplodere.

"Contaminati 445mila ettari"

Rischio di alterazioni del Dna, per Migaleddu (Isde) è allarme in tutta l'isola. L'allarme c'è e non soltanto nell'area industriale di Sarroch e attorno al poligono di Teulada: chi abita nelle zone a rischio, soprattutto i bambini, rischia alterazioni al Dna che nel tempo possono provocare tumori e altre malattie letali.

La casa "verde", idea sarda

Illustrato il progetto di bioedilizia, un mix tra pubblico e privato. Accordo tra la Regione e l'imprenditrice pluripremiata Daniela Ducato. Il progetto parte dalla valorizzazione di quelli che, di solito, sono definiti scarti: le sottolavorazioni di lana, vinacce, latte, olio d'oliva e potature che diventano, al contrario, preziosi elementi per realizzare produzioni di edilizia sana e carbon free.

GIUGNO

 

"Vendo la casa per curarmi"

Clamorosa iniziativa, con un post su Facebook, del maresciallo Marco Diana, protagonista tanti anni fa di una battaglia per il riconoscimento dell'invalidità causata dall'uranio impoverito durante la sua attività militare nell'Esercito. Per i ritardi nei rimborsi sotto accusa il ministero della Difesa.

Mesina, arresto all'alba

L'ex ergastolano finisce a Bad'e Carros per traffico di stupefacenti. Tra i complici, big della mala sarda e l'avvocato Altea di Cagliari Blitz dei Carabinieri: tra in 26 uomini arrestati c'è Graziano Mesina. Il bandito orgolese 9 anni fa era stato graziato dal Capo dello Stato. Il suo mito si era nutrito del bisogno dei cittadini di idolatrare il pastore balente.

"Narcotraffico negli ovili", i pastori sardi contro Saviano

Lo scrittore: Sardegna crocevia di spaccio, coca sulle montagne. Mentre la Sardegna resta spiazzata dal crollo del mito del bandito balente, pronto a sequestrare persone ma restio a toccare la droga, Saviano fa quasi un monologo in una libreria di Nuoro, e accenna all'operazione che ha travolto Orgosolo ma non solo: "Il redditizio settore del petrolio bianco" ha aggiunto nel cuore della Barbagia, "continua a crescere anche accanto alla vostra porta".

 

Arlacchi: “Bloccare arrivo Riina in Sardegna”

Pino Arlacchi è un sociologo italiano, esperto sul contrasto alla mafia. ''Occorre fermare immediatamente l'arrivo di Riina e di meta' di Cosa Nostra in Sardegna e a Sassari. Bisogna opporsi con tutte le forze ad una decisione dissennata che rischia di provocare un danno gravissimo all'isola sia sul piano sociale, che economico e d'immagine. Se a Sassari e Cagliari non ci saranno resistenze sarà difficile impedire che anche la Sardegna finisca nelle mani di Cosa nostra”.

 

Dossier Bankitalia, la Sardegna è in coma e le banche non aiutano

L'Italia è in piena recessione e gli effetti della crisi nell'isola sono amplificati. Soffrono più o meno tutti i comparti.Credito, stretti i cordoni della borsa. Inoltre, secondo il rapporto Istat 2013 il tasso di inattività sardo è pari al 40.3%: in Sardegna, ci sono 456mila persone , in età lavorativa, con le braccia incrociate.

Ecco la nuova legge elettorale

Approvata il 25 giugno scorso con numeri molto larghi: 61 sì, appena 7 no, 6 astenuti.: 60 consiglieri, niente doppia preferenza a favore delle donne, niente listino del presidente, questi non potrà più mandare tutti a casa dimettendosi (altrimenti gli sarà vietata la ricandidatura), otto i collegi territoriali, modificato il premio di maggioranza (al nuovo governatore basterà superare il 40% dei voti per aggiudicarsi il 60% dei seggi, cioè 36. Se resta sotto il 40, ma purché arrivi almeno al 25, ne avrà 36, pari al 55% dell’assemblea).

 

 

LUGLIO

L'esercito dell'Ente Foreste, superiore ai ranger del Canada

Un operaio ogni chilometro quadrato di bosco, il personale inghiotte tutte le risorse. I 6507 dipendenti (che controllano 5834 chilometri quadrati di bosco) incidono per il 93,6% delle spese complessive dell'Ente per il quale la Regione stanzia 170 milioni di euro all'anno. Per chiarire le proporzioni basti pensare che si tratta di un numero superiore a tutti i ranger del Canada (4300 che controllano 450mila chilometri quadrati di bosco). E Cda e revisori costano più di 500mila euro.

L'uva acerba dà più soldi

Contributi a chi fa marcire i grappoli per limitare la produzione: la regione stazia 372 mila euro ma arrivano soltanto 32 richieste. Si tratta della cosiddetta "vendemmia verde", che di verde ha ben poco. In sostanza, chi ritiene che sia meglio non vendemmiare, fa una domanda alla Regione, che garantisce una somma consistente per tagliare i grappoli acerbi e lasciarli marcire sui campi. A metterla in pratica sono soprattutto i piccoli proprietari che, con 3.000 euro per ettaro per una vigna doc, preferiscono non affrontare le difficoltà del mercato del vino e non sobbarcarsi il rischio di impresa.

Solo con l'identità evitiamo il declino della nostra isola

Secondo Silvano Tagliagambe, brillante filosofo ed epistemologo molto noto anche in Sardegna, per evitare il declino economico, prima ancora che sociale e culturale, per la crescita e lo sviluppo territoriale, occorrono identità locali, orgoglio e senso di appartenenza.

In Consiglio nuove norme per gli usi civici

Il Consiglio Regionale ha approvato con procedura d'urgenza (50 sì, 3 no e 4 astenuti) la legge sugli usi civici. I Comuni della Sardegna dovranno completare entro il 31 dicembre prossimo una ricognizione dei propri terreni gravati da usi civici. Il testo contiene inoltre alcune modifiche che potrebbero applicarsi al contestato edificio costruito a Cagliari, in via Gallinara, vicino al parco di Molentargius.

La post-democrazia, il degrado politico che ha affondato le nostre speranze.

Secondo Radhouan Ben Amara, consigliere regionale del Pdci, la politica del nostro tempo sfuma nell'apatia generale, nel cinismo: è la post-democrazia, la post-politica; è il governo del cambiamento ma senza nessun progetto e nessuna prospettiva. Oggi abbiamo bisogno di interpreti del mutamento dei tempi, di creatori di pensieri, ma con i piedi ben piantati nella realtà di fango.

“Sinnova 2013”, idee per fare impresa

Il futuro della Sardegna passa anche attraverso l'innovazione. Venerdi 12 e sabato 13 luglio a Cagliari (Centro polifunzionale Santa Gilla) esperti a confronto su ricerca e sviluppo al servizio delle aziende. Ampio spazio riservato al confronto e allo scambio di esperienze tra i rappresentanti delle oltre 100 aziende isolane che si occupando di Ict, ma anche aerospazio, biomedicina e biotecnologie, energie e ambiente nonchè aziende appartenenti a settori produttivi tradizionali.

Meridiana e la tariffa "nativi", stangata sugli emigrati sardi

Meridiana rincara le tariffe per gli emigrati nati in Sardegna ma residenti all’estero o nella Penisola. La denuncia arriva dalla Fasi, la federazione dei circoli degli emigrati sardi, che chiedono un intervento della Regione sulle cosiddette tariffe "nativi".

AGOSTO

Incendi, inferno in Sardegna: centinaia di evacuati tra Laconi e Gadoni

Settemila ettari di macchia mediterranea, boschi e pascoli andati in fumo, spazzati via dalla furia delle fiamme, quattro persone ferite di cui una molto grave, un migliaio di persone costrette a lasciare le case, alcune in piena notte, altre, molte delle quali anziane, con l'aiuto dei volontari.

La "Sardegna possibile" di Michela Murgia

L'appello agli elettori delusi dai partiti tradizionali, a chi ha scelto 5 Stelle e ai tanti che non votano più. Dal Teatro Eliseo di Nuoro la candidatura alla presidenza della Regione della scrittrice scelta dal movimento indipendentista Progres:"Nella Sardegna che vogliamo costruire non sarà sufficiente cercare colpevoli: noi cerchiamo soluzioni".

Il miracolo del traghetto low cost

I numeri premiano la sfida lanciata due anni fa da alcuni imprenditori turistici di Santa Teresa di Gallura: noleggiare una nave e lanciare a colpi di offerte low cost la sfida al caro-traghetti di Tirrenia e company che stava (e sta) strangolando l'industria delle vacanze in Sardegna. A un mese dalla fine delle corse 100mila passeggeri, già incassati 7 milioni: ne servono 8 per il pareggio.

SETTEMBRE

Federica non c'è più, ma ha vinto lei

Un abbraccio infinito si è stretto attorno a Federica Cardia, ragazza-guerriera che ha creato il blog “Tanto Vinco io”. La sua battaglia contro un tumore al colon si è arrestata, ma la lezione della giovane cagliaritana non si è interrotta: il web, infatti, si è stretto a lei con centinaia di messaggi che continuano a comparire sul profilo facebook di Federica.

Una folla immensa abbraccia Francesco

In 400mila da tutta la Sardegna per incontrare il Pontefice a Cagliari. Ha sollecitato disoccupati e giovani: "Non perdete la speranza". Nei discorsi si è soffermato più volte sul significato di solidarietà e sul valore della carità nei confronti di chi viene erroneamente indicato come ultimo.

Buggerru, sindacati  insieme in piazza per ricordare l'eccidio del 1904

Prima il corteo lungo le strade del paese poi la deposizione di una corona di fiori e una messa per non dimenticare il sacrificio dei minatori uccisi 109 anni fa. I tre minatori Salvatore Montixi, Felice Littera e Giustino Pittau, morti durante la protesta davanti alla sede della direzione perché rivendicavano migliori condizioni di lavoro.

I Shardana al Teatro Lirico di Cagliari

Un racconto corale in musica, dedicato da Ennio Porrino alla sua gente, i Shardana della sua opera lirica, che ora - a 63 anni dalla prima rappresentazione in Sardegna - vede finalmente la luce. Una grande produzione, interamente nata nella fabbrica di sogni di via Santa Alenixedda. Un vero kolossal per una tragedia che narra di due tribù contrapposte. Amore e guerra, onore e ragion di stato, odio e vendetta, per una sorta di “Aida”, o di “Romeo e Giulietta” in salsa nuragica.

L'Isola ha perso l'aereo

Lo scandalo continuità, voli tagliati e sconti negati. Tre rotte ad Alitalia, due a Meridiana e una a Livingstone. La gara internazionale, quella della tariffa unica per nove mesi, è stata chiusa con l'assegnazione provvisoria delle linee dai tre aeroporti sardi per Roma e Milano.

Cagliari ha perso uno dei suoi simboli.

Il grande murale di piazza Repubblica angolo via Dante non esiste più. Le “Tre pietre” realizzate nel 1985 sulla facciata del palazzo di proprietà degli eredi Pintus dall'artista di San Sperate, Pinuccio Sciola, sono state smantellate durante i lavori di ristrutturazione dell'edificio.

OTTOBRE

Londra, un capolinea chiamato Gianfranco Zola

Per festeggiare i 150 anni della Federcalcio inglese le 367 stazioni della metrò londinese sono state intitolate a giocatori e allenatori. Tanti gli italiani,dopo esser passati per le fermate Ravanelli e Vialli ecco il capolinea Gianfranco Zola, Richmond. L'anniversario è doppio: quest'anno infatti anche il "Tube" compie 150 anni: il primo tratto Paddington-Farrington fu inaugurato nel 1863.

Sardegna: è attivo il più grande radiotelescopio d’Europa

Inaugurato a Pranu Sanguni il Sardinia Radio Telescope alto circa 70 metri e pesante oltre 3000 tonnellate. Un colosso che permetterà alla radioastronomia italiana di svolgere un ruolo di preminenza internazionale.

Carbonia, centomila visitatori in 7 anni

Sono i numeri del museo internazionale del carbone, situato nella grande miniera di Serbariu a Carbonia, aperto il 3 novembre 2006. Il biglietto numero centomila è stato staccato nei giorni scorsi da un turista francese in vacanza nel Sulcis.

Budelli venduta per tre milioni

L'isola va a un banchiere-ambientalista neozelandese. Passa di mano la perla dell'arcipelago della Maddalena, nota nel mondo per la sua celebre Spiaggia Rosa, celebrata da un mostro sacro del cinema come Michelangelo Antonioni (Deserto Rosso, 1964).

Giovani in fuga dall'Isola

La Sardegna fino al 2012 era la regione italiana col più alto tasso di crescita dei nuclei famigliari: con la crisi è ripresa l'emigrazione. L’incremento dei nuclei famigliari, tutto endogeno e direttamente ricondubile alla struttura demografica, ha subito un'inversione a causa della piega che stanno prendendo i giovani. Tra il 2008 e il 2012, infatti, si è registrato un calo di 37 mila residenti, in gran parte giovani che emigrano, spesso contro la loro volontà.

Figli della crisi: "Riconquistare il futuro strappato"

I giovani del comitato, da giorni accampati in via Roma sotto il Consiglio Regionale, chiedono di poter riconquistare quel futuro che a un'intera generazione è stato strappato dalla crisi e da decisioni sempre più ingiuste da parte della politica. Rivendicano, inoltre, l'introduzione di un welfare studentesco che, dopo essere stato annullato in questi anni, andrebbe ripensato con l'istituzione del cosiddetto “reddito per i giovani in formazione”, destinato a contrastare le sempre più evidenti diseguaglianze economiche.

La Sardegna vecchia e vuota

Emigrazione e crollo delle nascite: spopolamento senza fine. I centri più piccoli destinati a scomparire entro mezzo secolo. Nell'ipotesi peggiore tra 50 anni i sardi saranno meno di un milione, in quella più ottimistica la regione perderà almeno quattrocentomila abitanti. Spopolamento complessivo da una parte e desertificazione pressochè totale delle zone interne. Cresceranno alcunicentri costieri.

Barracciu centra l'obiettivo

Sarà Francesca Barracciu la candidata alla presidenza della regione per il centrosinistra con  il 44,3 per cento di voti alle primarie  lasciando al 32,6 Gianfranco Ganau. Il terzo è Andrea Murgia, candidato senza partito ma capace di issarsi dal nulla al 12,54 per cento. Roberto Deriu, l'altro elemento del tridente democratico, si attesta al 7,65. Il socialista Simone Atzeni al 3,05.

Samugheo, costretti alle ronde armate

Furti di bestiame e di attrezzature agricole, furti di gasolio e nelle abitazioni , un paese nella morsa della paura. La denuncia dei cittadini in una lunga lettera inviata alla Procura della Repubblica di Oristano, alla Prefettura, al sindaco e al parroco.

NOVEMBRE

Cleopatra ha distrutto metà della Sardegna: 16 vittime

La bomba d’acqua che, a partire dal pomeriggio di lunedì 18 novembre, è caduta sulla Sardegna ha provocato 16 morti ed un cittadino di Onanì ancora disperso e ha posto 55 comuni in condizioni ufficialmente di emergenza: 7 in provincia di Cagliari, 17 a Nuoro, 14 tra Oristano e Medio Campidano, 7 in Ogliastra, 10 in Gallura. Intorno ad Olbia c’è la ‘zona rossa’, dove sono morte 13 delle 16 vittime, figli di quest'isola dove nel 2013 si muore di pioggia. Sono 2747 le persone evacuate. Decretato lo stato di calamità: stanziati 25 milioni per l'emergenza. La Brigata Sassari in aiuto della popolazione di Olbia

La città di Olbia cresciuta senza regole con 16 quartieri abusivi sanati

L'era del sacco di Olbia, il far west edilizio dove tutti costruivano su tutto,acquitrini compresi, risale ai furenti anni Settanta. Le amministrazioni che a partire dalla fine degli anni Ottanta fecero ricorso al Decreto Floris (la legge regionale 23/85 che istituiva i piani di risanamento urbanistico in Sardegna) vararono, negli anni, ben 16 piani di risanamento urbanistico, uno per ogni "quartiere" sorto abusivamente che aveva fatto diventare città un borgo di pescatori.

Ppr: "Si vogliono riaprire le porte alla speculazione"

Sandro Roggio, architetto che si occupa soprattutto di urbanistica, denuncia: "Da una parte c'è il Ppr del 2006 che interpreta l'idea più progredita sul paesaggio come bene pubblico non negoziabile, come è nella Convenzione europea del paesaggio. Dall'altra c'è questo Nuovo Piano con la propensione ad accogliere ogni richiesta di trasformazione del territorio, mettendo turismo ed edilizia sullo stesso piano e tutto nello stesso frullatore. Con il pretesto che occorre rispondere alla crisi e che l'edilizia fa crescere il Pil. Racconti gravemente omissivi. In Spagna hanno addirittura deciso di demolire l'invenduto in mano alle banche che ha messo in difficoltà quel paese. L'edilizia per la villeggiatura ha un peso rilevante in quel crac".

Arborea celebra i suoi primi 85 anni con una conferenza

A margine della Conferenza si è tenuta la proiezione di un video con le testimonianze dei primi coloni, di quelle donne e di quegli uomini che in quella terra affondarono il primo solco di aratro per disegnare un territorio a chiara vocazione agricola e zootecnica. Un territorio, quello emerso nella Bonifica della piana del Terralbese, che si identifica fortemente nelle proprie origini e che desidera continuare a percorrere la via tracciata 85 anni fa dai suoi pionieri.

Gli angeli del fango sono stati ricevuti dal presidente della Repubblica.

Giorgio Napolitano ha voluto ringraziare personalmente i ragazzi che nei giorni scorsi hanno aiutato la popolazione colpita dal nubifragio. Oltre trecento giovanissimi, per una settimana, sono andati in giro per le case degli alluvionati a distribuire aiuti offrendo ai concittadini le loro braccia per ripulire le abitazioni distrutte dalla furia dell'acqua.

La mannaia sugli aiuti agli universitari

Quest'anno 1,2 milioni di euro in meno per le borse di studio destinate agli studenti sardi. Gli "idonei non beneficiari" sono 2.582: 2.582 studenti con le carte in regola che però non riceveranno le borse di studio, il cui ammontare oscilla tra i 1.440 e i 3.254 euro.

Borse di studio o benefattori?

Vent'anni, originaria di un paesino del Basso Sulcis, papà senza lavoro, la borsa di studio che l'anno scorso c'era e questo (causa tagli) non c'è più: B., iscritta al secondo anno in Medicina a Cagliari, è la tipica “figlia della crisi”. A volte, però, i miracoli accadono. Ad aiutare B. «fino alla laurea» saranno un professionista sardo e sua moglie. Vivono a Bruxelles. Due perfetti sconosciuti, per la ragazza.

Guerra al "mostro" Geo Energy

Il medico Migaleddu: "A noi non serve produrre altra energia". Il progetto della multinazionale svizzera, prevede di sfruttare il calore del sottosuolo trivellando, sino a oltre 3.000 metri e con sostanze inquinanti, un'area di 575 Kmq nei comuni di Martis e Sedini, in Anglona.

DICEMBRE

Qualità della scuola, un ragazzo su 4 non finisce gli studi

Non esiste solo un problema di sicurezza nelle scuole dell'isola, il crollo avvenuto al liceo Dettori di Cagliari non è che la metafora di una situazione ai confini del dissesto. Lo stato degli immobili è considerato una delle cause della dispersione scolastica, un fenomeno da sempre sottovalutato persino nelle regioni come la Sardegna che, con il 23,9% di dispersione scolastica, è superata in peggio solo dalla Sicilia. In Europa il 13,5 dei ragazzi lascia la scuola prima di aver completato il corso di studi. In Italia la percentuale sale fino al 18,2% mentre in Germania è pari all'11,5% e in Francia al 12% (dati 2011).

Il golf è sviluppo, Cappellacci difende il Piano

Un concetto ribadito dal governatore della Sardegna al settimo meeting sul turismo di Olbia, in difesa del Piano regionale che prevede la creazione di 25 campi da golf rispetto agli attuali tre.

Sviluppo, l'Isola deve ripartire dai sardi

Lo studio dello Iares-Acli sul capitale sociale: è il nuovo indicatore per guardare alla crescita futura. Il "capitale sociale" siamo noi. E' da qui che dobbiamo(ri)partire: sono i sardi la risorsa che la Sardegna deve ancora scoprire e su cui puntare per impostare le nuove politiche di sviluppo. Riferirsi al capitale sociale vuol dire avere un'idea di sviluppo che mette al centro le persone e il loro bagaglio di relazioni e valori.

Termodinamico, espropri in agguato?

I progetti EnergoGreen, parla la società: "E' un investimento che porterà ricchezza nei territori". I siti individuati dagli investitori della EnergoGreen sono quattro e si trovano nei comuni di Cossoine (160 ettari), Bonorva-Giave (235 ettari), Gonnosfanadiga (200 ettari) e Flumini Mannu-Villasor (237 ettari). I progetti - che prevedono investimenti per 1,09 miliardi di euro - hanno sollevato un mare di polemiche perchè non sono chiari quali siano i vantaggi e le ricadute economiche per i territori.

Nel 2018 chiuderà la miniera Carbosulcis di Nuraxi-Figus

«Con la dolorosa chiusura della miniera di carbone di “Monte Sinni” si chiude una pagina gloriosa della storia economico-sociale della Sardegna.» E’ il commento dell’assessore dell’Industria, Antonello Liori, dopo l’approvazione in Giunta della delibera contenente il Piano di chiusura della miniera.

Attentati ai sindaci, l'Isola è prima

Superata di 5 volte la Campania e di cento volte le Marche e la Valle d'Aosta. Negli ultimi 15 anni, secondo i dati fornti dalla Banca di Credito Sardo, la Regione ha pagato indennizzi per quasi 3 milioni di euro, per 447 attentati di cui 196 ad amministratori locali. Gli attentati tra il 2011 e il 2013 in Sardegna sono stati 1108, di cui 397 nei capoluoghi. Il capoluogo in testa alla classifica delle intimidazioni è Olbia con 120 eventi, seguita da Cagliari con 74 e da Sassari con 51.

Terremoto in Consiglio Regionale

Non si arresta l'inchiesta sui fondi ai gruppi, perquisizioni e altri cinque indagati: Oppi, Cappai, Sanna, Solinas e Planetta. Il maxi blitz, pianificato da giorni, è scattato poco dopo le 7.30 di lunedì mattina.

Due legislature sotto accusa

Sessantasette imputati e indagati, uno già condannato. Il fascicolo, che nel 2005 ipotizzava il mobbing, ha virato verso il peculato nel 2009. Lo scorso 6 novembre sono finiti in carcere Mario Diana, ex capogruppo del Pdl, e il suo collega Carlo Sanjust poi scarcerato lo scorso 14 dicembre.

La Procura indaga su Sardegna 1

Cagliari, dubbi sul passaggio delle quote societarie. Omessi i versamenti del tfr per i 25 dipendenti. L'emittente televisiva è precipitata in una crisi che rischia di lasciare a terra venticinque lavoratori tra giornalisti, operatori e impiegati.

 

(Fonti utilizzate: L'Unione Sarda, La Nuova Sardegna, Cagliari Globalist, Sardinia Post)

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information