Home Succede in Sardegna Imprenditoria “Sa passillada” di Serramanna: presentazione Progetto Inveritas'
“Sa passillada” di Serramanna: presentazione Progetto Inveritas' PDF Stampa E-mail
Succede in Sardegna - Imprenditoria
Sabato 28 Giugno 2014 14:02

Al fine di rilanciare “Sa passillada” e, più estesamente, le attività produttive e il valore socioculturale del territorio e della storia serramanesi, dopo l’assemblea del 27/05/14, il direttivo dell’associazione ha preso la decisione di sostenere il progetto Inveritas’ dell’antropologo e documentarista Marcello Carlotti.

Secondo quanto riportato dal portale aserramanna.it, per poter presentare ufficialmente il progetto in un contesto di confronto e incontro con i cittadini e gli imprenditori di Serramanna, è stata fatta richiesta al Comune di poter usufruire della sala conferenze del Monte Granatico in data sabato 28 giugno 2014 (a partire dalle ore 18).

Oltre ai soci de “Sa passillada”, parteciperanno all’incontro il Dr. Marcello Carlotti – che illustrerà le linee guida del progetto, la sua suddivisione in moduli e i suoi potenziali di sviluppo – e, in qualità di uditore, il Dr. Fabrizio Palazzari (fra le altre cose: ideatore del portale tramasdeamistade.org e già presidente del circolo dei sardi di Berlino).

 

L’incontro pubblico rappresenta, contestualmente alla presentazione del progetto Inveritas’, un’occasione di rilievo per implementare le iscrizioni di nuovi soci al Centro Commerciale Naturale “Sa passillada”.

 

Presentazione Inveritas' project

 

Con Inveritas' project, i partners fondatori intendono dare corpo alle ragioni della qualità, della conoscenza e della condivisione, innescando una nuova forma di comunicazione dei territori, dei prodotti e della cultura sarda nel mondo. Se fino agli anni '80 del secolo scorso, la conoscenza dell'altro era infatti legata, in modo diretto o indiretto, al viaggio ed alla possibilità di spostamento fisico, od allo studio, alla carta stampata, alla radio, alla tv ed al cinema, il mondo contemporaneo si caratterizza per la sua plurima connettività, e per le diversificate modalità di socialità, molte delle quali sono virtuali e mediate. Sono altresì da tenere presenti la multiculturalità e l'interculturalità che caratterizzano i linguaggi di scambio, conoscenza e comunicazione e che impongono un plurilinguismo base. La connessione è pertanto legata alla comunicazione e questa agli strumenti. Canale, media e strumenti impongono di definire i contenuti e le strategie.

La connessione e la comunicazione, legate alla promozione, quindi, oggi hanno esteso i loro domini di competenza e le loro strategie al di là dei media tradizionali che, comunque, ancora persistono.

I Media tradizionali sono: il passaparola, la carta stampata (depliant, volantini, pubblicità, manifesti, ecc.), la comunicazione radio, il telefono (call center, ecc.) e la comunicazione attraverso la televisione il cinema (inserti espliciti, pubblicità occulta, ecc.). I Media contemporanei legati allo sviluppo tecnologico del XXI sono: le tags, le indicizzazioni, i motori di ricerca, il sito web, i portali online, i social networks, i canali tematici, ecc.

Gli strumenti di connessione legati alla moderna tecnologia sono come detto: cellulari, smartphone, pc, laptop, tablet, ecc. Nell'attuale mondo di mercato connesso, promuovere un territorio significa promuovere una cultura, dei modi di fare, delle tradizioni, dei prodotti, ovvero tutte quelle peculiarità che caratterizzano un determinato spazio antropico rispetto a tutti gli altri: il messaggio deve pertanto imperniarsi su unicità, carattere e impronta. Significa anche trovare strategie di cooperazione fra pubblico e privato.

In un mondo caratterizzato dalla competizione al ribasso, le strategie perseguibili sono due:

A) accettare la corsa al ribasso, favorendo la quantità a discapito della qualità

B) conquistare nuove nicchie di mercato, accattivando potenziali clienti, e implementando così il livello della qualità su quello della quantità.

Convinti che in Europa la strategia A) risulterebbe perdente ed autodistruttiva (data la competizione globale, il costo e lo stile di vita), rimane aperta solo la strategia B).

Inveritas' project è stato pensato per incentivare, promuovere e realizzare la strategia B).

Mentre nella strategia A) infatti ogni essere umano è considerato solo come bersaglio di consumo ed è pertanto trattato come un mero consumatore; nella strategia B) ogni individuo, prima ancora di essere un cliente che compra un prodotto, è un essere umano e, in quanto tale, è un soggetto curioso ed il destinatario di un messaggio.

Questa strategia dunque deve essere tarata per comunicare e trasmettere le ragioni della qualità. Un primo passo, pertanto, è la credibilità e la rassicurazione, declinate ovviamente in chiave contemporanea. Credibilità e rassicurazione, infatti, sono imprescindibilmente legate a genuinità e tracciabilità. La missione, pertanto, sarà quella di comunicare al destinatario in termini di credibilità, rassicurazione, genuinità e tracciabilità.

Per questo è utile conoscere, analizzare, documentare e comunicare in termini di verità, piuttosto che in termini di fiction. Documentare con quanta cura, perizia, competenza e determinazione sia costruita una macchina artigianale, promuove il brand in modo più efficace, credibile, rassicurante, genuino e tracciabile di qualunque pubblicità. È tuttavia necessario spendere qualche parola ulteriore sulla tracciabilità e sull’importanza dell’origine, soprattutto in campo agroalimentare: essa può essere virtuale o mediata (tramite una etichetta, ad esempio), ma può essere anche diretta.

Inveritas' project vuole rendere fruibili sia la tracciabilità mediata che quella diretta: quest’ultima ha a che fare con l'accessibilità alle fonti (di un territorio, di un processo produttivo, ecc.). Infatti, un primo importante gradino è quello che permette di leggere l'origine e il percorso di un prodotto su un'etichetta; un gradino più interessante è quello di poter fruire, con questo progetto, di uno strumento che ne testimoni l'origine e la veridicità; un ultimo gradino, ancora più accattivante, è la possibilità di una visita diretta che permetta di constatare (e di promuovere ulteriormente il prodotto: il passaparola rimane sempre importante) la veridicità dell'etichetta e della testimonianza di Inveritas' project. Questo impone lo studio di contenuti e itinerari atti a richiamare un turismo culturale di fruitori che possano, a loro volta, fungere da volano di promozione (con le loro emozioni e con le loro azioni).

Il motto del progetto Inveritas', come dice il nome, è che non c'è nulla di più rassicurante del conoscere la verità.


Per chi volesse approfondire: projectinveritas@gmail.com

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information