Home Sa Lingua Nosta Sa Lingua Nosta - num. 10-2014 Sa Lingua Nosta - num. 10-2014 - Didattica giovani
Sa Lingua Nosta - num. 10-2014 - Didattica giovani PDF Stampa E-mail
Sa Lingua Nosta - Sa Lingua Nosta - num. 10-2014
Martedì 11 Novembre 2014 00:00

Chistionada, in campidanesu e galluresu, cun Gino Marielli, autori de is fueddus de is canzonis e sonadori de sa ghitarra de is “Tazenda” (Gino Marielli, a dereta, cun Gigi Camedda)

 

Di Daniele Madau

 

In is cidas passadas, eusu presentau “Non la giamedas Maria”, canzoni de is Tazenda. Imoi, a s’acabu de su “Respiro Tour” (e apetendi, mancai, de biri is Tazenda a Casteddu cun is Modà - 22-23 de dognassantu-, cumenti a Milano e Roma?), eusu fueddau cun Gino Marielli, chi est su storicu autori de is fueddus de is canzonis, in su logudoresu, de is Tazenda. In custa chistionada, aici, si podit agatai su campidanesu, su logudoresu e su galluresu: a is preguntas nostas, difatis, poita est nasciu a Olbia, at respostu in su galluresu.

1) Po prima cosa, grassias medas po sa possibilidadi de custa chistionada. Poita nos seus fueddendi a is piciocus, ita pensat de sa situazioni de sa Sardigna po issus, cumenti traballu e possibilidadi de su tempu chi at a benniri?

“Mi eni di pignì, me' fiddhola è andata a Cagliari pa studià psicologia, ma, probabilmenti, sarà andendi a fa la disoccupata. Li cioani cosa poni fà? Noi ci l'aemu invintata una rasgioni pa campacci, fendi chissu chi ci piaci, chi è una cosa beddhissima. Li cioani doariani no cilcà un trabaddhu ma pinsà: comu mi 'ò la 'ita? Mastru di muru o cantanti?

Und'è noi, in Gaddhura, si dici: “l’anima bola e la rasgioni poni li mani”. La moraliè: poni infattu a lu to' cori, dapoi manda lu cialbeddhu a piddhallu. La 'ia di mezu è sempri la meddhu.”

 

Mi viene da piangere, mia figlia è andata a Cagliari a studiare psicologia, ma, probabilmente, va a fare la disoccupata. I giovani, cosa possono fare? Noi ci siano inventati una ragione per vivere, facendo ciò che ci piace, che è una cosa bellissima. I giovani dovrebbero non cercare un lavoro ma pensare: cosa mi chiama? Cosa mi piacerebbe fare? Il muratore, il cantante,ecc...

Da noi, in Gallura, si dice: “l’anima vola e la ragione mette le mani”. La morale è: segui il tuo cuore, poi manda il tuo cervello a prenderlo. La via di mezzo è sempre la più saggia.

2) Fustei est de “madrelingua” galluresa. Pensat chi unu piciocu chi chistionat su sardu at calincuna cosa de prus? Po fai una provocazioni, est prus importanti studiai su sardu o s’inglesu?

“Tandu, l’inglesu, chjaramenti, è uttili; però faiddhà in inglesu faci puru “figu”. L’inglesu lu faeddhani tutti canti, semu mandendi li fiddholi a imparà l’ inglesu. Tra deci anni no sarà più cussì figu. A chistu puntu mi pari chi sarà meddhu a faiddhà un’alta linga, più esotica: chistu po' dà calche cosa a ca lu faeddha.”

Allora, l’inglese, chiaramente, è utile; però parlare l’inglese ti fa, pure, sentire “figo”. L’inglese, ormai, lo parlano tutti, perché stiamo mandando i nostri figli a studiarlo. Tra dieci anni non sarà più così tanto “figo”. Così mi sembra che sia meglio parlare un’altra lingua, più esotica: questo per dare qualche cosa in più a chi la parla

3)Chistionaus de is Tazenda: pustis de su tempu de is cantzoni sceti in sardu, funt bennias is cantzonis in sardu e italianu: poita? Una necessidadi de fueddai a prus genti?

“Noi, candu aemu cuminciatu la nostra carriera, erami dilusi di l’italianu; no' vi cridiami candu aiami di fà lu provinu cun Bertoli. Dapoi aemu pinsatu: chistu funziona, non pa un fattu di divintà famosi, ma palchì pudia piacì, sinnò no lu femu. Da chissu momentu aemu alzatu la percentuali di l’italianu, puru pa rindì meddhu lu sensu di calche testu: pa isempiu lu sensu mistico, chi piddha da Battiato di “La ricerca di te” (album “Vida”, 2007), saria andatu paldutu.”

Noi, all’inizio della nostra carriera, eravamo delusi dall’italiano; eravamo scettici quando dovevamo fare il provino con Bertoli. Poi, abbiamo pensato: questo funziona, non per essere più “popolari”, ma perché deve arrivare e piacere, se no non l’avremo fatto. Da quel momento abbiamo aumentato la percentuale d’italiano, anche per rendere meglio il senso di qualche testo: per esempio il senso mistico, con rimandi a Battiato, de “La ricerca di te” (album “Vida”, 2007) sarebbe andata perso.

4) Su tempu prus bellu, po fustei, de is Tazenda, est stetiu cussu cun prus fortuna? Chistionu de su tempu, cumenti po Domu mea o Spunta la luna dal monte, aundi meda genti at intendiu is cantzonis de is Tanzenda

“Primma d' andà a la trasmissioni chi c’ha fattu cunniscì a la jenti, “Gran Premio”, di lu 1990, prisintata da Pippo Baudo, no erami nisciunu, e chistu vulia dì chi erami libbari, chi aiami una libbaltai piena, una libbaltai di vidèi. Andaami a lu studiu e gjucaami cu li strumenti, ridendi comu li macchi: una libbaltai 'era. Eppuru l’album di lu cumenciu, “Tazenda”, erani pronti a 'jttaccillu; ma lu tempu più beddhu era chissu periodu candu, in studiu, erami libbari, senza produttori.”

Prima di partecipare alla trasmissione che ci ha lanciato, “Gran Premio”, del 1990, condotta da Pippo Baudo, non eravamo nessuno; questo significava essere liberi, avere una libertà totale, una libertà di idee. Andavamo in studio e giocavamo con gli strumenti, ridendo come matti: una vera libertà. Eppure l’album d’esordio, “Tazenda” era pronto ad andare al macero; nonostante questo, per me il tempo più bello era quel periodo quando, in studio, eravamo liberi, senza produttori.

5) In is cidas passadas, apu presentau ai is picious sa cantzoni “Non la giamedas Maria”, poita chistionat de sa droga. Po fustei est importanti meda cantai de custu? Pensu puru a “Bettamus intro a nois”

Non la Giamedas Maria, è statu un esperimentu, cu' l’idea di fà un traspoltu.

Comu v'era scrittu in lu PPT prisintatu calche chita fa, “Non la giamedas maria” è una canzona tradizionali di la chita santa di Bitti ( Bonaventura Licheri, in Giovanni Spano, Canzoni popolari,1863, pp. 361-363).

Aggju fattu un traspoltu chi m’ha pultatu a faiddà di droghi liceri e droghi pisuti. Senza intrà troppu in la chistioni, è una rasgioni di bon sensu: no' chjamemu “Maria” calche cosa di più folti, chi faci mali.

Bettamus intro a nois nasci in un tempu di candu aiami scupaltu la folma fisica, e li dadjiami abbeddhu impultanzia, cilchendi l’ acchilibbriu cu li piaceri chi mintuemu in la canzona.”

“Non la Giamedas Maria”, è stata un esperimento, nato con l’idea di fare una sorta di trasporto.

Come scritto nel PPT presentato qualche settimana fa, “Non la giamedas maria” è un canto tradizionale della settimana santa di Bitti (Bonaventura Licheri, in Giovanni Spano, Canzoni popolari,1863, pp. 361-363).

Ho fatto un trasporto che mi ha portato a parlare di droghe leggere e droghe pesanti. Senza entrare strettamente nella questione, è un discorso di buon senso: non chiamiamo “Maria” qualcosa di più forte, che fa del male.

“Bettamus intro a nois” nasce in un periodo in cui avevamo scoperto, e prestavamo tanta attenzione, alla forma fisica, cercando un equilibrio coi i piaceri di cui si parla nella canzone.

6) Is Tazenda funt una bandera de sa Sardigna: est un’abbitudini o sa mannosia est sempri forti?

“E’ sempri beddhu, ma non pudemu 'antacci troppu.

Burrulendi, noi dimu chi, dapoi d'aè fattu la I e II ripubbliga (cun A. Parodi e B. Dettori), abali semu a la III ( cun Nicola Nite). La bandera si cala e poi si torra a alzà .

Mi eni di dì chi li Tazenda so comu li Nomadi (chi sonani in tutti li paesi più minori, cun li canzoni storichi chi tutti cantani), ma aemu ancora gana d' aggiornacci, di futuru, palchì Nicola, lu cantanti nostru, ha bisognu di futuru.

Emmu ancora gana di fà canzoni: lu passatu è beddhu ma lu meddhu ha d' arrià.

Lu pinsà d’alzà la bandera dugna dì, pensu, chi c’aggja primiatu.”

E’ bello sempre, ma non possiamo cullarci sugli allori.

Scherzando, noi diciamo che, dopo aver fondato la I e II repubblica (rispettivamente con A. Parodi e B. Dettori), ora siamo alla III ( con Nicola Nite).

La bandiera si ammaina e poi torna in alto.

Paragonerei i Tazenda ai Nomadi (che suonano in ogni più piccolo paese, con le canzoni storiche che tutti cantano), ma abbiamo voglia ancora di aggiornarci, di futuro, perché Nicola, il nostro cantante, ha bisogno di futuro.

Abbiamo ancora voglia di far canzoni: il passato è bello ma il meglio deve ancora venire.

Il pensare di dover rialzare la bandiera ogni giorno, penso, ci abbia premiato.

7) Pierangelo Bertoli, De Andrè, Ramazzoti, Renga, Grignani, Modà, Mogol: sa Sardigna, su sardu, e is Tazenda, poita ispirant aici a is atrus?

“Pal noi, candu si faeddha di la Saldigna si faeddha di li Tazenda. E’ beddhu chistu, chista immagini chi, passendi da noi, polta a una Saldigna antica, esotica, di banditi, chi piaci. Bisogna dì chi, di tutti l’autori mintuati, solu cun Renga e Grignani lu primmu passu l’aemu fattu noi: tutti l’ alti 'olti c’ani invitatu.

Primma di lu nostru duetto (abali tocca a dì pa folza “featuring”), chista cosa si facia pocu. Aemu criatu un precedenti, una ia, un modellu, grazi a “Spunta la luna dal monte”, chi è canzoni d’ autori.”

Secondo noi, quando si parla di Sardegna si parla dei Tazenda.E’ bello questo, questa immagine che, attraverso di noi, rimanda a una Sardegna antica, esotica, di banditi, che affascina. Bisogna dire che, di tutti gli autori citati, solo con Renga e Grignani il primo passo è stato nostro: in tutti gli altri casi siamo stati invitati.

Prima del nostro duetto (ora si deve dire per forza “featuring”), poi, era poco comune questa pratica: abbiamo creato un precedenti, una via, un modello, merito di “Spunta la luna dal monte”, che è una canzone d’ autore.

8) Is Tazenda non ant mai fueddau de politca, perou bollu domandai: fustei est pro s’indipendenzia o pro s’autonomia?

“Tandu, l’indipendenzia è un sognu. E’ una cosa difficilissima; lu justu sarìa una ia di mezu, intelligenti, fulba; selvi, parò, pa chista cosa, una classi politica intelligenti.

So', infatti, li passoni manni a fà cosi manni

Finz' a candu Mandela no ha fattu lu chi ha fattu tuttu era felmu. La rivoluzioni 'era la faci cal'ha unu spiritu folti, e oggj si n'agatta pocu. In chistu momentu l’unicu è Baignu Piliu[1], chi parò è mannu ancora d'etai, ma li sogni soi erani troppu manni.

Aemu la spiranzia chi calchenu si sciutia la matina cu l’idea iusta.”

Allora, l’indipendenza è un sogno .E’ una cosa, però, difficilissima; l’ideale sarebbe una via di mezzo, intelligente, furba; servirebbe, però, per questo, una classe politica intelligente.

Sono, infatti, le grandi figure a fare grandi cose.

Fino a quando Mandela non ha fatto la sua grande opera tutto era fermo. Le grandi anime (Dalai Lama, M.Teresa, Mahatma Gandhi) fanno la rivoluzione vera. In questo tempo è dura, in questo momento l’unico “grande” è Baignu Piliu; ormai,però, è grande anche d’età e i sogni suoi erano, anche loro, troppo grandi.

Abbiamo la speranza che qualcuno si svegli la mattina con l’idea giusta.

9) Cumenti sonniat sa Sardigna? Poita sa regioni nosta non est mai stetia, de meda tempus, una terra aundi sa genti podit bivi beni?

“Siddh'aggju di fà un sognu, sognu una Saldigna ch’aggja di campà di un turismu beddhu: Orgosolo, Orune, narachi, centri archeologici, natura, mari, spiritualitai.”

Se devo fare un sogno, sogno una Sardegna che viva di un turismo bello: grazie a luoghi come Orgosolo, Orune, i nuraghi, i centri archeologici, la natura, il mare, la spiritualità.

10) Cali est su fueddu, de su sardu, prus bellu?

“Dui ch’aggju trattatu umbè di 'olti: “sambene” e “ianna”. “Sambene” pa lu sonu; “ianna” sia pa lu sonu, chi pa lu significatu.

Due, che ho usato spesso, in logudorese: “sambene” e “ianna”. “Sambene” per la sua sonorità; “ianna” sia per la sonorità, che per il significato”

Grazie davvero e tanti auguri

Daniele Madau

Un ringraziamento particolare, per la consulenza sulla resa del gallurese, a Lucia Nali e Silvano Bianco



[1]Gavino, Baignu, Piliu, at pigau duas laureas; oi est psicologu a Tattari. Est stetiu unu sardista mannu. In is annus ‘80, candu fiat professori a s’universidadi, at fatu fai duas tesis de laurea in sardu. In cuscus annus est stetiu sindigu de Bulzi. In su 1982, at acoltu Pertini bistiu cun su costumu de sa tradizioni, faendi ponni unu cartellu cun cuscus fueddus: “ A fora  s‘Italia” . Po custu fuit postu in galera po cincu annus .

 

 

 


 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information