Home Sa Lingua Nosta Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 - Didattica adulti
Sa Lingua Nosta - num. 11-2014 - Didattica adulti PDF Stampa E-mail
Sa Lingua Nosta - Sa Lingua Nosta - num. 11-2014
Martedì 25 Novembre 2014 00:00

Didatica po is mannus: chistionada in campidanesu e tabarchinu

Sa cida passada eus biu su galluresu, custa cida bieus su tabarchinu, cun Anita Borghero, studianti de Litere a s’universidadi, nascia a Carloforte.

Innanti de sa chistionada, podeus ligi calincunu fueddu de Fiorenzo Toso, studiosu mannu de su tabarchinu

“Il tabarchino è un dialetto ligure parlato da circa 10.000 persone nell’Arcipelago Sulcitano a sud ovest della Sardegna: a Carloforte, centro dell’isola di San Pietro, e a Calasetta, su Sant’Antioco.

Il nome della parlata risale a quello dell’isola tunisina di Tabarca, dove dalla metà del XVI secolo era stanziata una comunità di corallari e commercianti liguri. Sfruttando uno statuto di extraterritorialità e i rapporti con le reggenze barbaresche, la famiglia genovese Lomellini mantenne il possesso dell’isola fino al 1741, quando mutate condizioni politiche portarono all’occupazione di Tabarca da parte tunisina. Parte della popolazione aveva intanto già fondato Carloforte (1738); dei tabarchini rimasti in Tunisia, fatti schiavi, molti furono trasferiti ad Algeri e da qui, riscattati nel 1769, si trasferirono in Spagna sull’isolotto di Nueva Tabarca presso Alicante; altri fondarono nel 1770 Calasetta; altri ancora rimasero in Tunisia assumendo lo status di minoranza linguistico-religiosa.

Il tabarchino si estinse in Spagna ai primi del Novecento ed ebbe in Tunisia, ancora dopo l’instaurazione del protettorato francese (1883), ruolo di lingua commerciale e delle relazioni interetniche: già prima dell’indipendenza (1956) però, i membri della comunità di Tunisi erano dispersi o avevano optato per la naturalizzazione francese. Oggi il tabarchino è parlato solo in Sardegna […] Tutti i tratti del genovese documentati a partire dai primi del XIX secolo sono comunque presenti anche in tabarchino, dalla caduta di [r] intervocalica al passaggio [ŋn] > [ŋ]. Anche il lessico è orientato sul genovese moderno: all’interno di esso spiccano i prestiti diretti dall’arabo (limitati), dal francese e dal siciliano (legati questi all’immigrazione ottocentesca di pescatori e tonnarotti), e una componente sarda legata per lo più all’ambito agricolo, soprattutto a Calasetta. Per il resto il sardo, non essendo di fatto diffuso presso le due comunità, non ha influito a fondo sulle strutture del tabarchino: la conoscenza del campidanese da parte dei tabarchini è eccezionale, e i sardi che dall’isola maggiore si trasferiscono a Carloforte e Calasetta apprendono per lo più il tabarchino.”

 

Ti podit presentai?

Mi sun 'na zóna de 22 anni e stüddiu à Càggiai inte 'na facultè umanistica. Me piòxe a stória, l'archeulugìa, e lengue antighe, léze, sünò. Travaggiu suviatüttu de stè inte 'n risturante unde se mange róba tìpica: u tunnu.

Vivendu insce 'n'uìza daltrunde l'è quàixi scuntàu che me piòxe u mò e anche e borche.

“Sono una giovane di 22 anni e studio a Cagliari, nella facoltà di studi umanistici. Mi piacciono la storia, l’archeologia le lingue antiche, leggere, suonare. Lavoro soprattutto d’estate, in un ristorante dove si mangia il piatto tipico: il tonno.

Vivendo in un isola, d’altronde, è quasi scontato che mi piacciano molto il mare e le barche”

Tui chistionas in tabarchinu?Ti praxiri bivi a Carloforte? Cument’est su raportu tuu cun cust’isola? E cun s’atra Sardigna?

Mi porlu tabarchin da quande ho l'üzu da pàula, perchè tütti in cà mé pòrlan cuscì. E anche cui mé amixi, inte bütéghe e me rendu cuntu che pensu anche in tabarchin.  Invécce inte situasuin ciü furmoli me végne ciü spuntàneu döviò u talian.

Au pàize ghe staggu inmüggiu ben e se nu fise ch'u l'è in po' föa man pe tante cóse nu me muviè de lì.  Tantu l'è auvéa che riturnu spéssu, anche sulu pe 'n giurnu â setemaña, perchè, cumme tanti tabarchin, ho a "mautìa du scöggiu": in fórte atacamentu â nóstra uìza scimile â nustalgìa che ne spuìnce à riturnoghe delungu.

Cunsciderandu a nóstra stória, che da Pégi pasandu pe Taborca  a l'è dauvéa porte de niòtri e che a l'ha sens'otru pezàu inscê nóstre tradisuin ciü antighe, pensu che nuiòtri se pö dì ch'émmu 'na pruspetiva in sciâ nóstra Sardegna che ne permétte de véddia quàixi inte 'na mainéa ünica, inte 'n certu sensu, sia de drentu che de 'ndeföa, anche se sun tante e cóse che ne diferensie, tante otre gh'ai émmu in cumün. E l'è próppiu da quéstu che puémmu arichise ün cun l'otru.

Gh'è tantu che ancun nu so e che, à partì dâ lengua, me piâxiè imparò inte sta tera cuscì bella.

“Parlo tabarchino da quando ho avuto l’uso della parola, perché in casa lo parlavano tutti. Anche coi miei amici,nei negozi e mi rendo conto di pensare anche in tabarchino.

Nelle situazioni più formali, invece, mi viene più spontaneo usare l’italiano.

In paese sto molto bene e se non fosse un po’ fuori mano per tante cose, non mi muoverei da lì. Tanto è vero che ritorno spesso, anche solo per un giorno a settimana, perché, come tanti tabarchini, ho la “malattia dello scoglio”: un forte attaccamento per la nostra isola, simile alla nostalgia che spinge a ritornare sempre.

.Considerando la nostra storia, che da Pegli, passando per Tabarka, è davvero parte di noi e che ha senz’altro influenzato le nostre tradizioni più antiche , penso si possa affermare che abbiamo una prospettiva sulla nostra Sardegna che ci consente di vederla, in un certo senso, sia dall’interno che dall’esterno. E anche se sono molte le cose che ci differenziano, molte altre le abbiamo in comune. Ritengo che da questo ci possiamo arricchire a vicenda: c’è tanto che ancora non so e che, a cominciare dalla lingua, vorrei imparare su questa terra così bella.”

Ita bisas, po su benidori, po tui?

Spéru, seben ghe ségge ' na situasiun intu mundu du travaggiu inmüggiù difissile chì in Italia, e pe nu parlò de dunde staggu mi, intu Sulcis, de puài atruvò in póstu vixin â mé cà, ligàu à quéllu c'ho stüdiàu: daltrunde a Sardegna a l' è piña de stória, e quindi de archeulugìa.
Se pe coxu invécce àise d'anòmene via, sun següa che cumunque, in giurnu o l'otru, riturniò pe stò au pàize.

“Spero, sebbene sappia che la situazione nel monso del lavoro sia molto difficile in Italia, per non parlare del mio luogo d’origine, il Sulcis, di trovare un posto di lavoro, vicino alla mia casa, legato a quello che ho studiato: d’altronde la Sardegna è piena di storia, e quindi di archeologia.

Se per caso, invece, dovessi andarmene, son sicura che comunque, un giorno o l’altro, ritornerò”

Grazias medas, Anita!

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information