Home Sa Lingua Nosta Sa Lingua Nosta - num. 12-2014 Sa Lingua Nosta - num. 12-2014 Didattica adulti 1
Sa Lingua Nosta - num. 12-2014 Didattica adulti 1 PDF Stampa E-mail
Sa Lingua Nosta - Sa Lingua Nosta - num. 12-2014
Martedì 09 Dicembre 2014 00:00

Cunsideru e aficus

Po seti mesi, eus chistionau in sardu campidanesu, sighendi su principiu chi asuba de sa lingua non si depit fueddai, cantu si depit fueddai in lingua.

Est stetitu sceti unu “stidiu in s’acua”, perou dogna fueddu chi bessit de sa buca in lingua est unu alenu chi tennit in vida sa lingua etotu.

Po mei, de prus, fueddai in lingua est propriu bellu: est una cosa chi mancat, candu chistionaus cun s’atrus traballendi, candu seus castiendi sa televisioni, candu depeus andai a papai fora de domu.

Dogna tantu pensu si, po mei, est aici bellu poita funt pagus is logus in is calis si podit fueddai su sardu: mancai si funt de prus si podit perdiri su spantu.

Est craru chi no est d’aici e is logus depint essi meda de prus: est de custu tempu sa noa de sa possibilidadi de chistionai in sardu in is tribunalis.

Sa scumissa, perou, est po su benidori e, po mei, si depint mudai manera dei fai.

Bieus calincunu cunsideru postu in su studiu “Le lingue dei sardi -Una ricerca sociolinguistica” , curau de diversus audoris (Giovanni Lupinu, Alessandro Mongili, Anna Oppo, Riccardo Spiga, Sabrina Perra, Matteo Valdes).

 

“Se […] l’uso del codice linguistico nazionale risulta via via più dominante nel passaggio dai contesti informali a quelli più formali dell’interazione, e dai discorsi “bassi” a quelli più alti, va sottolineato come questo codice linguistico riceva una “patinatura”, più o meno accentuata, dalle parlate locali.

Per queste ultime il destino sembrerebbe incerto se non si verificasse, in vasta misura, un suo utilizzo come codice alternativo o integrativo dell’italiano, con varie modalità di cambiamento o mescolanza a seconda del grado di padronanza di entrambi i codici linguistici, a seconda dei contesti dell’interazione, a seconda degli interlocutori e delle finalità comunicative.”

“L’insieme di questi dati hanno evidenziato tanto il declino delle parlate locali in ambito familiare,

man mano che si passa dalle generazioni più anziane a quelle più giovani, quanto l’uso maggioritario dell’italiano nelle cerchie extra-familiari e nelle situazioni comunicative più formali e più alte. E,come si è già descritto, l’uso dei due diversi codici sembrano segnare delle “fratture”: fra generi ed età, fra bassa e alta istruzione, fra rurale e urbano, fra ceti e classi sociali. Questa decadenza delle parlate locali […] ha condotto a conclusioni assai pessimistiche circa la sopravvivenza delle lingue della Sardegna.

Resta, tuttavia, il fatto che se al declino dei codici locali si accompagna un uso maggiore dell’italiano,le lingue locali continuino ad “aggirarsi” nel modo di parlare dei sardi, soprattutto in aggiunta all’italiano: in tutti gli ambienti sociali, specie in quelli delle cerchie della socievolezza più informale:con i compagni di scuola, con gli amici, con i conoscenti, con i vicini di casa si usano spesso entrambii codici linguistici. Ciò succede prevalentemente, come si è visto, nei centri minori e nelle classi subalterne meno scolarizzate, ma l’uso di entrambi i codici è frequente anche in città e non solo fra i ceti subalterni. Sono, infatti, molto piccole le cerchie sociali e poche le interazioni linguistiche in cui si parla esclusivamente italiano: quasi solo i laureati di città negli ambienti scolastici e in chiesa, per rivolgersi al medico o al prete, per fare i conti a mente, per pregare o per pensare fra sé e sé.”

Funt cosas chi podeus biri totus e chi, po mei, ci depint fai arregionai.

Sa lingua no si podit fai imparai da s’artu, mancu cun is atus de is processus o cun sa burocrazia; custa cosa si podit fai sceti si sa lingua depit essi s’unica lingua uficiali e si est unu poderi a dda fai imparai: po cussu su poderi imperat puru maneras fortis.

Po mei, cumenti imparat puru s’italianu de is annus 1950-1960, sa lingua nosta, in campidanesu e logudoresu (ma custa est un atra chistionada), depit andai de prus me is “mass media”, po fai diaderus parti de su fitianu nostu.

Is mass media etotu de’isula, pruschetotu custus prus mannus, duncas, depint essi prus corosus, e proponiri prus noas, canzonis, programas in lingua.

Sa scola, pustis, depit, prus chi imparai, imperai sa lingua; custu poita, in calincuna bidda, cumenti potzu biri deu, is piciocus dda connoscint e no depint ai paura, timoria de dda imperai.

Funt cosas simpris, chi si podint fai de imoi, e sa lingua nosta no at a morri mai.

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information