Home Editoriali Salvatore Cubeddu In Sardegna chi vuole ancora il vecchio modello di sviluppo? Di Salvatore Cubeddu
In Sardegna chi vuole ancora il vecchio modello di sviluppo? Di Salvatore Cubeddu PDF Stampa E-mail
Editoriali - Salvatore Cubeddu
Sabato 11 Aprile 2015 00:00

Oltre che su questa testata, questo articolo viene pubblicato anche sui siti Fondazione Sardinia, AladinPensiero, , SardegnaSoprattutto, Sportello Formaparis, Tottusinpari e sui blog VitoBiolchini.it, Madrigopolis , EnricoLobina e RobertoSedda.

Di Salvatore Cubeddu

La notizia è che il ministro Gian Luca Galletti seguirà per il DUN (il Deposito Unico per il Nucleare) la procedura amministrativa. Certo, “terremo conto” della contrarietà della Sardegna, ma la questione rimane aperta. Criteri scientifici, non emotivi, indicheranno le scelte migliori. Se si troveranno dei volontari, bene, altrimenti una commissione interministeriale deciderà dove mandare le scorie. Tutto qui, ma è già tanto. Del resto è così anche per le servitù militari: credete che sia possibile fare la base di Teulada, “scientificamente”, altrettanto bene in Umbria? O in Piemonte? O in Puglia? E dove le trovate quelle terre libere, aggredibili dal mare, bombardabili dal cielo, occupabili da terra?

Ad ogni territorio il suo compito. L’Expo a Milano, le Olimpiadi a Roma, le immondezze in Sardegna, questa si chiama solidarietà “nazionale”. Le resistenze verranno aggirate estenuando l’attesa, illudendo i gonzi morti di fame, stancando isolando o colpendo gli irriducibili. E, fino a prova contraria, la Sardegna fa parte dell’Italia. “Murrunzande”, cioè mugugnando, protestando, a mala voglia, ma “sono cavoli vostri”!!! Ne riparleremo l’anno prossimo, se ancora vi resterà voglia e forza per battervi…

Però, attenzione! Non tirate fuori il referendum, la sovranità sarda, il confronto istituzionale. Il problema è solo amministrativo. Chi decide – e deciderà con sempre maggiore determinazione (immaginiamoci poi con i quattro gatti che siete voi Sardi…) – è lo Stato. Consulteremo, ma decideremo. Guardate la Tav e imparate!

Invece, la notizia giornalistica – per chi scrive – è che la Cgil, intervenuta con Tonino Piludu guida la linea della disponibilità del cardo a Porto Torres e a Cagliari (a partire da Villasor) e della canna nel Sulcis: altrimenti siamo antiquati, “bucolici” gli fa eco la Confindustria. Il sindacalista vuole destinare a quelle nobili materie prime anche “terreni infrastrutturati”, le terre irrigate che finora la Coldiretti ed i piani dell’Eni avevano avuto il pudore di escludere, limitandosi a infestare i terreni marginali. Ma, insiste il nostro, se ora sono incolti, cioè “destinati alla pastorizia” (!), non li si potrebbe invece destinare all’industria? L’innovazione e la ricerca richiederanno pure qualche sacrificio!

Con Maurizio De Pascale della Confindustria, il sindacato rappresenta quindi non i difensori della giusta permanenza dell’industria in Sardegna, ma quasi il residuo socioculturale di un modello che ha devastato il territorio dell’Isola.

L’importante convegno degli ex-parlamentari tenutosi lunedì scorso a Cagliari ha comunque raggiunto il suo scopo: far emergere un dibattito vero, riconfermando l’arrivo sulla scena della cultura politica sarda di personaggi e associazioni portatori di un nuovo modo di saper essere e fare.

Una felice coincidenza ha messo in fila i primi tre e più interessanti interventi tenuti dalle “signore” della mattinata: Maria Francesca Chiappe, Maria Antonietta Mongiu, Valentina Meloni. Mutato il genere letterario, esse hanno presentato degli spaccati di luce su ciò che potrebbe essere la Sardegna del futuro difeso anche dai manifestanti che da settimane ci rappresentano con le manifestazioni di piazza. Le loro indicazioni andranno avanti e si allargheranno finché il Consiglio regionale non si sentirà impegnato, come affermava Pietro Soddu, a trovare le risposte istituzionali che facciano da cornice, difesa e prospettiva a quanto il nostro popolo richiede e di cui abbisogna.

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information