Home Sa Chida Passada 2015 Sa Chida Passada 2015 (Dal 21 al 25 settembre 2015)
Sa Chida Passada 2015 (Dal 21 al 25 settembre 2015) PDF Stampa E-mail
Sa Chida Passada - Sa Chida Passada 2015
Martedì 29 Settembre 2015 20:14

A cura di Fabrizio Palazzari

Emigrati per forza: ricorso a Bruxelles

Costretti a emigrare per colpa di una legge che gli impedisce di lavorare nella propria Isola. Per i docenti sardi, quelle previste dalla legge 107/2015 sulla “Buona scuola” sono migrazioni forzate. Alcuni di loro, un gruppo di nuoresi, ha deciso di inoltrare denuncia alla Commissione europea.

La ricetta degli alberghi in crisi. Migranti al posto dei turisti

Il turista non arriva, l'immigrato sì. E paga lo Stato. In principio era l'hotel Janas di Sadali, sui monti barbaricini. Riempito e svuotato in poco tempo. Negli ultimi mesi si è allungata, di molto, la lista di alberghi e strutture ricettive che hanno convertito o fatto ripartire su una nuova strada il loro business. Gli sbarchi in Sardegna si sono susseguiti, non si sa se e quando si fermeranno. Così associazioni e società vanno a caccia di posti letto come nel caso di Cagliari, dove sono già stati siglati numerosi contratti d'affitto, anche in palazzi residenziali.

Alla Festa dell'Unità dibattito sui media

Si è svolto a Cagliari il dibattito su comunicazione e nuovi media con il capogruppo Pd al Senato, Luigi Zanda, il consigliere d'amministrazione della Rai, Franco Siddi, e la direttrice del Tg3, Bianca Berlinguer. L’incontro è stato moderato dall direttore dell'Unione Sarda, Anthony Muroni.

I ricercatori, cervelli in fuga. Profeti in patria per una notte

Hanno scelto di partire con il loro carico di sapere alla ricerca di finanziatori, con la speranza un giorno di poter ritornare nella loro terra di origine. Sono glio studiosi nuoresi hanno partecipato alla quinta edizione della Notte dei Ricercatori di Nuoro negli spazi dell'ex Me di piazza Mameli. Cervelli in fuga per alcuni, «cervelli in circolazione» per il commissario del consorzio universitario Fabrizio Mureddu che sogna in un futuro di riportarli a casa.

 

Inferno a Porto Conte, distrutti tre campeggi

 

Scenari di guerra, uno scoppio dietro l'altro. Le bombole dimenticate dentro i camper, che saltano per aria. E poi le fiamme, altissime, a inghiottire, voraci, ettari di pineta, giù giù, sino a Mugoni, una delle spiagge-simbolo della Riviera. Gli incendiari sapevano. Avevano calcolato tutto.

l Consiglio sfida la Giunta: «No trivelle»

Sulle trivellazioni in Sardegna la parola passa al popolo. Il Consiglio regionale ha approvato la richiesta di referendum abrogativo sulle norme, contenute negli articoli dei decreti Sblocca Italia e Sviluppo, che regolano le autorizzazioni e gli espropri per la ricerca e l'estrazione di idrocarburi. L'obiettivo è riportare alla Regione le competenze su tutte le procedure di autorizzazione, adesso in capo al Governo.

Guilcier. Omodeo, nel poligono continua il tiro a segno

Non cambia di una virgola l'ordinanza prefettizia che dispone l'interdizione di una vasta area attorno al lago per consentire lo svolgimento delle esercitazioni militari al poligono sull'Omodeo. Dopo l'interruzione di agosto, a settembre si è sparato ed altrettanto si farà ad ottobre tutti i giorni, dalle 7 alle 13, esclusi sabato e domenica.

Regione, 725 milioni alle imprese

Un terzo dei fondi stanziato per il 2015 con 5 obiettivi prioritari Dopo scuola e lavoro, tocca alle imprese. La Giunta regionale decide di tamponare gli effetti devastanti della crisi sul mondo imprenditoriale sardo assegnando sino al 2020 quasi 725 milioni, 230 dei quali disponibili per il 2015. Le risorse per il 2015 derivano per la maggior parte da fonti comunitarie (75%) per un totale di 176,5 milioni, da finanziamenti regionali (24%) con 51,5 milioni e da fonti statali (1%) con un milione di euro.

Fondi europei, arriva un miliardo per lo sviluppo

C'è quasi un miliardo da spendere nei prossimi cinque anni: sono i soldi del Fondo europeo per lo sviluppo regionale (Fesr), ciclo 2014-2020. Ma ci sono anche alcune decine di milioni avanzate dal programma 2007-2014: per evitare che vadano perdute l'assessore regionale al Bilancio Raffaele Paci ha proposto una rimodulazione al Comitato di sorveglianza europeo.

Vertenza Sigma, tutti a casa

Salta la firma per la Cedi Sigma del centro di distribuzione di Codrongianosed è disastro sociale per un territorio che non ha più nulla. Considerando i 40 dipendenti in via di riassunzione (e ora anche loro a casa), restano senza lavoro in 200. La frattura si è consumata sull'articolo 18 dello statuto dei lavoratori.

«Licenziamenti a sorpresa a Sardegna Più»

I sindacati sono pronti a difendere i lavoratori dopo l'annuncio del licenziamento per 86 dipendenti al “Sardegna Più” di Villacidro. Il colpo di scure lo temevano tutti, ma qualcuno fino all'ultimo ha sperato che l'ex Csd, guidata dall'imprenditore Alberto Cellino, riuscisse a risalire la china senza sacrificare i suoi uomini.

Biofuel, quasi un addio

È in bilico il progetto tanto discusso per la realizzazione a Portovesme dell'impianto di Biofuel di Mossi&Ghisolfi. Sulla carta 290 milioni di investimenti, circa 200 posti di lavoro, e la necessità di essere alimentato a canne. Cosa che ha fatto scattare l'allarme sulla possibile destinazione di terreni produttivi per la coltivazione di canne. Un tentennamento che preoccupa i sindacati.

Lo strano caso del patrimonio della Sbs in liquidazione

Di recente si è chiuso, con un altro flop l'ultimo tentativo di cedere (per 9 milioni 600 mila euro) l'enorme patrimonio immobiliare della vecchia Sbs, società bonifiche sarde, indirettamente posseduta dalla Regione e in liquidazione con scarsi risultati. Da ricordare il caso del luglio 2014 quando il liquidatore, nominato dalla precedente Giunta e ancora in carica, mise in vendita cinque ettari di macchia mediterranea attaccati alla spiaggia di Cala Sinzias, «un'area tra la zona residenziale turistica e il litorale marino», prezzo a base d'asta 350 mila euro: dopo la denuncia del Gruppo di intervento giuridico scoppiò una grande polemica e il bando fu ritirato.

Selargius, nato il Puc. Ha 30 anni

Tredici voti favorevoli, un astenuto: dopo quasi trent'anni d'attesa, il Piano urbanistico comunale è realtà. Nel frattempo scoppia una guerra per la paternità del documento che ridisegna Selargius. Ottomila abitanti in più nei prossimi dieci anni e un milione di metri quadrati a disposizione: 30 ettari destinati al verde, 15 alla viabilità, 10 ai parcheggi e 45 a nuovi alloggi e ai servizi destinati alla residenza. Si aggiungono 79 ettari destinati ai servizi generali, pronti a ospitare medie e grandi strutture di vendita, centri sportivi, ricreativi o alberghi.

Narcao. Dalla Cina per studiare il fagiolo bianco

La fama (e la bontà) del fagiolo bianco di Terraseo approda nella terra del Sol Levante. Anche una ricercatrice giapponese), Kiyomi Hasegawa, è giunta nel Sulcis per studiare e tentare di carpire i segreti della coltivazione di un legume che le famiglie di Terraseo si tramandano di generazione in generazione da secoli.

Vino, olio e formaggi prendono la via del Brasile

Il negoziato tra Ogliastra e Brasile sugli scambi commerciali sta entrando nel vivo: ai brasiliani stuzzica l'idea di importare nel loro Paese olio, salumi, formaggi, birra e vino. Tutto made in Ogliastra. Nei giorni scorsi una delegazione di imprenditori brasiliani è sbarcata a Tortolì.

Freddato in riva al fiume

L'esecuzione di Gaspare Nieddu, allevatore di 38 anni di Alà dei Sardi, è avvenuta sulla riva del fiume di Sos Onorcolos, uno spazio aperto nella boscaglia fitta della campagna alaese.I carabinieri lavorano su due fronti per dare una cornice al delitto. Si parla di una serie di furti, che ovviamente non possono essere attribuiti a Nieddu, ma qualcuno potrebbe avere deciso di “punire” la vittima. Si parla anche di un litigio per uno sconfinamento di bestiame.

 

(Fonti: L'Unione Sarda, La Nuova Sardegna)

 

 
Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information