Home Succede in Sardegna Cultura e societĂ  Conalpa boccia la gestione del verde a Cagliari:"Troppi abbattimenti"
Conalpa boccia la gestione del verde a Cagliari:"Troppi abbattimenti" PDF Stampa E-mail
Succede in Sardegna - Cultura e societĂ 
Venerdì 24 Marzo 2017 19:20

Il verde pubblico è un bene comune di inestimabile valore, ma anche in Sardegna sembra essere diventato un problema anzichè una risorsa. Lo dimostrerebbero i tagli delle alberature storiche di Carbonia o, più di recente, quanto avvenuto a Cagliari con l'abbattimento per rischio crollo dei pini del piccolo parco tra via Pantelleria e via Gallinara. Spesso però è proprio la cattiva gestione degli alberi a provocarne la caduta. Pubblichiamo al riguardo l'appello del Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio.

Il verde pubblico è un bene comune di inestimabile valore con funzione ecologico ambientale, funzione sanitaria, grazie alla depurazione chimica dell'atmosfera e  fissazione di gas tossici, regolazione microclimatica, schermo antirumore e funzione estetico architettonica. Da troppo  tempo però, l'albero sembra diventato un problema invece che una risorsa da tutelare.

Un primo problema evidente che riguarda i viali e giardini alberati di Cagliari, riguarda gli interventi di capitozzatura, che molti chiamano erroneamente “potatura”, e che asporta totalmente la chioma dell'albero, lasciando uno o più monconi. «Le capitozzature - spiega Andrea Pellegatta, arboricoltore professionista, - sono tecnicamente e scientificamente scorrette, danneggiano il patrimonio arboreo, inficiano i vantaggi sanitari, economici e paesaggistici prodotti dagli alberi e ne riducono l'aspettativa di vita. Espongono, nel medio termine, gli alberi a patologie che ne minano la stabilità, aumentando il rischio di cedimento e schianto. Alberi ed aree verdi vengono purtroppo considerate dalla maggior parte delle amministrazioni pubbliche un costo, quando invece forniscono un “reddito” largamente superiore al costo necessario per il loro impianto e mantenimento».

 

Altro problema che crea non poca preoccupazione a Cagliari è il numero di abbattimenti. Uno spettacolo raccapricciante che sembra non finire mai. «Che ci sia una generale paura degli alberi - dichiara  il Dott. Alberto Colazilli, Paesaggista esperto di beni ambientali e Presidente nazionale del Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio - è purtroppo una realtà che si tocca con mano in tutta Italia.  Abbattuti perchè crollano col maltempo o nevicata pesante. Spesso però è proprio la cattiva gestione degli alberi a provocarne la caduta. Fondamentale è la buona progettazione e pianificazione del verde urbano per un successo assicurato nel tempo anche contro l'inquinamento. Non si può dimenticare infatti che la difficile lotta contro le polveri sottili e i gas inquinanti, può essere combattuta efficacemente tramite il miglioramento del verde cittadino e del patrimonio arboreo collettivo, sia pubblico che privato. Se si vuole preservare la salute dei cittadini nel tempo, bisogna conservare il verde cittadino storico e progettare subito nuove alberature. Il verde in città è una bella visione che testimonia civiltà, cultura, bellezza, salubrità ambientale».

«In tutto questo ci chiediamo cosa intenda fare il Comune - conclude Leila Delle Case, Presidente della delegazione Sardegna del Coordinamento Nazionale Alberi e Paesaggio. - Sulla base di quali valutazioni vengono abbattuti gli alberi? Esiste un piano di gestione delle alberate? Dove e quando verranno piantati nuovi alberi? Come si pensa di rimediare ai danni irreversibili delle capitozzature? Ci aspettiamo una rapida inversione di rotta dell'amministrazione che dell'ecologia e della qualità della vita dei cittadini deve avere sempre un interesse prioritario».

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information