Home Editoriali Daniele Madau Don Ettore Cannavera e i segreti della “Collina”
Don Ettore Cannavera e i segreti della “Collina” PDF Stampa E-mail
Editoriali - Daniele Madau
Giovedì 01 Febbraio 2018 11:17

In occasione del conferimento dell' onoreficenza, la cui notizia è di qualche settimana fa, di “Commendatore della Repubblica”, siamo saliti alla comunità La Collina, poco fuori Serdiana, a trovare Don Ettore e scoprire i motivi di questo riconoscimento.

Di Daniele Madau

Certi incontri lasciano il segno e il perché si capisce e non si capisce; “l'essenziale è invisibile agli occhi” - abusata frase del Piccolo Principe - ma, a volte, incomprensibile anche alla mente. E ora capisco che questo incontro mi ha dato qualcosa, più di qualcosa ma lo comprendo soprattutto per una serenità di cuore che ho avuto, e ho, di cui non riesco a realizzare ancora bene la causa.
Innanzitutto, La Collina...La Collina è un complesso di abitazioni, sale per convegni, presentazioni e incontri, campi, biblioteche, luoghi di spiritualità. Dalla sua sommità si gode di un magnifico panorama. E' però, soprattutto, un luogo di detenzione alternativo, che ha tanti segreti, nel suo garantire, a chi lo ha vissuto, una quasi totale percentuale di reinserimento nella società: la bellezza architettonica e del luogo in cui sorge, il fatto che i ragazzi – dai 18 ai 25 anni – lavorino, creino prodotti, come il vino e l'olio, che vengono venduti e dai quali ricevono una parte dello stipendio e, certamente, forse il segreto più importante, la presenza di chi l'ha pensato (donando  per la sua creazione i terreni di famiglia) e lo guida.
Pensato o sognato? Forse è meglio sognato, ma il risultato è un sogno molto reale, un luogo quasi utopico che, però, esiste.
“Quasi utopico” e non del tutto utopico: perché in verità queste realtà sono le uniche logiche, efficaci, rispettose dei detenuti e delle tasse dei cittadini che le finanziano.
Tutto nasce dalla fiducia nei ragazzi e nel ritenere gli ospiti della comunità solo vittime della società e di circostanze avverse: e possiamo chiederci se non sia una considerazione di assoluto, e semplice, buon senso, di un'immediatezza naturale, logica. Eppure, non sembra proprio che la società la percepisca così.

 

“La società è forcaiola, eppure sono ormai lontani i tempi di Lombroso, che affermava come si nascesse criminali. In realtà la società prima tradisce i ragazzi creando un contesto in cui loro cadono nella delinquenza, poi, addirittura, li isola nelle carceri. Io sono stato vent'anni nel carcere minorile di Quartucciu: muri alti, sistemi di sicurezza, personale di sorveglianza; una spesa enorme per pochi ragazzi. Dopo tanti tentativi di cambiare il sistema di detenzione dei minori, mi son dimesso e da questa esperienza è nata La Collina”.
La coerenza, ecco un altro segreto.
Don Ettore, però, come dice lui stesso, è “anche” sacerdote e allora decido di partire da lì, dal valore del significato di una frase sul valore del dubbio, che campeggia sul sito della comunità, sotto la voce “Visione”.
“Il dubbio è segno di intelligenza – parla ora anche l' ex docente di filosofia oltre che sacerdote – è usare la nostra ragione; a questo una persona deve aggiungere, poi, la spiritualità che è diversa dal nostro essere credenti.
Una persona può essere credente ma non spirituale e viceversa; noi dobbiamo curare soprattutto la nostra parte spirituale: a questo noi dedichiamo tante parte del lavoro in comunità. La mattina facciamo sempre un momento di silenzio in cappella – cappella interreligiosa, per rispettare tutti - ; anche le regole – regole di ordine, rispetto dell'ambiente, rispetto di sé stessi, rispetto della comunità – sono funzionali alla spiritualità, all'esigenza di ordine e bellezza che c'è in ognuno di noi.
Una volta imparato questo, i ragazzi riescono a reinserirsi, a patto che il contesto li aiuti.”
Da Don Ettore ascolto volentieri anche qualche consiglio sull'insegnamento – anch'io ogni mattina entro in classe – e ci soffermiamo sull'importanza di condividere le scelte con i ragazzi e sul valore assoluto dell'accoglienza dei più fragili e, magari, con più criticità.
In ultimo non possiamo non parlare del suo essere, ormai, Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiano: “la accetto solo se condivisa con gli operatori e con i ragazzi”.
Un altro segreto, che forse racchiude tutti gli altri, quello dell'umiltà.
Vado via con bei doni: libri con la storia della comunità, la bottiglia di vino frutto del lavoro dei ragazzi e, soprattutto, quella serenità che non so spiegarmi, ma che non voglio perdere.

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information