Home Sa Chida Passada 2012 Sa Chida Passada n. 36-2012 (24 –28 settembre 2012)
Sa Chida Passada n. 36-2012 (24 –28 settembre 2012) PDF Stampa E-mail
Sa Chida Passada - Sa Chida Passada 2012
Domenica 30 Settembre 2012 00:00

A cura di Bore Morette e Fabrizio Palazzari

Chimica verde, la sfida e le incognite «Vogliamo garanzie»

Sala gremita e posti in piedi a Porto Torres per la prima dell’impianto Enipower che si vuole realizzare nello stabilimento petrolchimico, nell’ambito del progetto collegato alla chimica verde. In platea, tra gli altri, gli agricoltori, che cercano di capire se ne vale la pena, se la coltivazione del cardo per la centrale può essere una opportunità, se l’indennizzo per quei terreni messi al servizio della green-economy è l’alternativa.

Nasce Sardinia Post, il nuovo quotidiano online della Sardegna

Questa è la pagina di Sardinia Post - www.sardiniapost.it- il nuovo quotidiano on line che dal primo ottobre sarà "in tutti i migliori pc" della Sardegna e non solo della Sardegna. Sardinia Post vuol dare il suo contributo per rafforzare e ampliare il "terzo polo" informativo nato grazie al lavoro dei blogger e delle testate cittadine on line. Il nuovo quotidiano è diretto da Giovanni Maria Bellu e proporrà inchieste e reportage di cronaca, politica, cultura. Le notizie di oggi, tutte le notizie senza censure, per la Sardegna di domani.

Oristano nuova Cayenna

Nel capoluogo della provincia più sicura d'Italia sta per nascere la nuova Asinara. Settanta mafiosi e camorristi dei clan più agguerriti, ma anche sequestratori e trafficanti internazionali arriveranno nel giro di pochi giorni.

Quando a Carbonia arrivò la “stidda”

Arrivarono a Carbonia alla fine degli anni '80 e in pochi anni la piccola criminalità non solo del Sulcis, ma persino del Cagliaritano, compì un salto di qualità: traffico di droga in grande stile e di armi, rapine e anche diversi morti ammazzati. Il loro non era un confino obbligato. I giudici di Gela avevano decretato nei loro confronti il divieto di soggiorno in Sicilia e loro avevano scelto di trasferirsi a Carbonia.

Agricoltura bio in crescita: fatturato di 70 milioni

È in crescita la produzione di prodotti biologici in Sardegna dove lo scorso anno, sono stati coltivati oltre 130mila ettari bio (con un incremento del 14,5 per cento rispetto al 2010) e hanno lavorato 2.272 operatori.

Caro-gasolio, stangata sui campi

Il caro-gasolio sta stritolando le imprese agricole sarde. La stangata, nel 2012, è stata di oltre 18 milioni di euro.

L’agricoltore è cambiato

La notizia confortante di oggi è che l'export italiano a luglio supera di gran lunga l'import. E di chi è il merito? Del settore alimentare in primo luogo. Vini e cibi di qualità che si vendono in tutto il mondo, e che superano in volumi il mercato dell'automobile. Basterebbe questo a far capire quanto il settore agroalimentare sia non solo importante ma strategico per il paese.

Carignano da Gambero Rosso

Quattro prestigiose etichette di Carignano del Sulcis, prodotte da altrettante cantine del territorio, hanno ricevuto l’ambito riconoscimento dei Tre Bicchieri dalla Rivista il Gambero Rosso

A Montevecchio nasce un ostello tutto ecologico

Un Ostello della gioventù con il marchio ecologico. Sarà realizzato nella storica foresteria dei dirigenti della miniera, edificio stile rinascimentale nel polmone verde della pineta che avvolge l’intero abitato, dalla Conservatoria delle coste della Sardegna.

Tutti in fuga dalla città

I giovani scappano via dalla città, che è sempre più popolata da anziani e stranieri, con Pirri e Sant'Elia che sono le uniche zone a vedere aumentata la popolazione rispetto al 2001. Sono tra i tanti dati che escono fuori dai primi risultati del Comune di Cagliari sul 15° censimento generale della popolazione e delle abitazioni.

Sei milioni per le piste ciclabili

Più di 50 chilometri di nuove piste ciclabili tra i sedici comuni dell’area vasta di Cagliari e 5,880 milioni di euro stanziati dalla giunta regionale.

Savona: «L’industria non è la modernità»

Secondo l’economista Paolo Savona «per troppo tempo si è pensato che la modernità fosse l’industria. Puntiamo sulla formazione: ai giovani dico di andar via dall’Italia, non è l’emigrazione di cinquant’anni fa, è aprirsi ad un mercato del lavoro mondiale che offre possibilità a giovani formati e preparati».

Alcoa, spente 160 celle: 200 esuberi

Emergenza appalti all'Alcoa di Portovesme, dove buona parte degli operai delle imprese potrebbe finire fuori dagli impianti in agonia già dalle prossime settimane. Mentre la fabbrica si spegne (più di 160 celle sono ferme, oltre metà della produzione è cessata), figure e mansioni prima indispensabili, ora non sono più necessarie.

Alcoa, ancora scontri tra operai e poliziotti

Ancora rabbia, ancora botte e feriti negli scontri, questa volta a Cagliari, tra gli operai e la polizia. Il dramma di Alcoa riguarda anche le centinaia di lavoratori che lavorano nelle ditte di appalto. E che rischiano di crollare con il crollo della casa madre. Senza ammortizzatori sociali, però.

La rabbia arriva sul silos

Hanno atteso su un silos a cinquanta metri di altezza notizie sull'esito del vertice che si è svolto a Roma per cercare di salvare il futuro industriale della Sardegna centrale. Futuro senza prospettive se Terna non tornerà sui suoi passi dopo la decisione presa ad aprile di non acquistare più elettricità dalla centrale di Ottana, ritenuta non strategica.

La vergogna dei poligoni

La Sardegna aspetta dallo Stato la restituzione dei beni militari dismessi, nel rispetto dell'articolo 14 dello Statuto. E lo Stato che fa? Anziché rispettare la legge cede 150 ettari (su 7200) del poligono di Teulada a una società, Enel green power, che lì realizzerà il più grande parco fotovoltaico italiano. Negli anni '50 la Nato e lo Stato assegnano alla Sardegna un ruolo strategico per la Difesa e requisiscono 35 mila ettari di territorio(pari all'80% di tutte le servitù militari italiane) per realizzare basi poligono e altre strutture. Ampie aree sottratte al turismo e allo sviluppo.

Anche l’Unione dei Comuni chiede di ridurre il poligono

Il consiglio comunale ha chiesto alla giunta regionale una chiara e inequivocabile presa di posizione a sostegno delle richieste di riperimetrazione, riqualificazione e riconversione del Poligono sperimentale e di addestramento interforze del salto di Quirra.

Il Polo nautico, un mistero da 50 milioni

Il Polo Nautico di Arbatax, dove il gruppo Azimut – leader internazionale nella costruzione di yacht – si impegnava a investire oltre 50 milioni di euro, non si farà più. La tesi ufficiale è che il gruppo Azimut abbia deciso di fare un passo indietro a causa della crisi. La conferma che invece la scelta fu dovuta al nuovo scenario politico regionale (Soru era una forte sponsor del progetto, a differenza della giunta Cappellacci) starebbe nella richiesta da parte di Azimut, nel luglio 2009, di un indennizzo di ben un milione e 800mila euro rivolto alla Sfirs.

Flotta Sarda, salvi Cappellacci e la legge

Cappellacci è salvo, la «Flotta Sarda» anche o forse. In Consiglio regionale, il centrodestra non si è polverizzato, o almeno la colla dell’ultim’ora ha retto alla prova dell’aula.

Tribunale, gli avvocati si spaccano

Adesso gli avvocati si contano e lo fanno a Olbia e a Tempio per prepararsi allo scontro frontale. La soppressione della sezione distaccata olbiese ha fatto saltare il tappo: non ci sono più le condizioni di un'azione comune per salvare quanto resta del sistema giudiziario gallurese.

Incidenti stradali, maglia nera alla Gallura

La Gallura conquista il primato poco invidiabile di provincia con più incidenti nell'isola, 33 ogni 10mila abitanti. La media italiana di scontri si ferma a 24 ogni 10mila abitanti, quella sarda arriva a 25.

Il mondo del calcio s’infuria con Cellino

L’accusa: sono state cancellate le regole. Cellino, sabato,con una nota sul sito del club, aveva invitato i tifosi del Cagliari in possesso dell’abbonamento e del biglietto, a recarsi allo stadio per seguire la gara con la Roma. Tutto questo in barba alle disposizioni del prefetto, di rinviare Cagliari-Roma per motivi di ordine pubblico.

Bastonato il Cagliari: 0-3

Il giudice sportivo non ha avuto dubbi. Quell'invito agli abbonati rossoblù, di Massimo Cellino, ad andare allo stadio nonostante il divieto del Prefetto è una «riprovevole sollecitazione». Il match fantasma con la Roma finisce 0-3 a tavolino.

 

 

Aggiungi commento


Joomla templates by a4joomla

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Cliccando sul pulsante “agree” acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la sezione dedicata facendo click su “privacy policy”. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information